F1 Brasile, finalmente la Ferrari: vince Vettel, 3° Raikkonen

@FACEBOOK

Il tedesco beffa Bottas in partenza e riporta alla ‘rossa’ il successo che mancava da oltre tre mesi. Podio per Kimi Raikkonen, Hamilton rimonta dal 20° al 4° posto

Dopo le delusioni asiatiche e la resa definitiva in Messico, con il titolo conquistato aritmeticamente da Lewis Hamilton, la Ferrari torna a festeggiare quella vittoria che mancava dal 30 luglio, quando fu doppietta in Ungheria. E’ Sebastian Vettel che vince per la terza volta in carriera il Gran Premio del Brasile e che interrompe un digiuno che per la casa di Maranello durava qui dal 2008. Festa completata per la ‘rossa’ dal 3° posto di Kimi Raikkonen, che dopo aver provato ad inseguire senza successo il connazionale Valtteri Bottas si è tolto comunque la soddisfazione di tenersi alle spalle un arrembante Lewis Hamilton, ancora una volta autore di una gara straordinaria che lo ha portato a rimontare dall’ultima posizione di partenza fino ai piedi del podio.

Due gli episodi cruciali della corsa: la partenza, nella quale Vettel è bravissimo ad affiancare al Mercedes di Bottas, scattata dalla pole position, e a superarla con una staccata millimetrica alla prima curva, e il momento del pit-stop dei primi due, tra il 28 e il 29 giro, con il finlandese che tenta l’undercut rientrando un giro prima e i meccanici della Ferrari che sono abilissimi nel non sbagliare nulla quando tocca a Vettel passare in pit lane il giro successivo; la ‘rossa’ numero 5 esce così dalla corsia box davanti alla Mercedes numero 77 e di fatto mette al sicuro il successo. Una gara condotta quasi sempre in testa quella di Seb Vettel, che ha lasciato la prima posizione solo per qualche giro ad Hamilton proprio durante la girandola dei cambi gomme, con il britannico che, partito dai box, aveva saggiamente optato una prima parte di gara con gomme soft, al contrario degli altri big. Discreta anche al prestazione di Kimi Raikkonen che non riesce mai ad impensierire Vettel e Bottas ma è bravo nel finale a difendere il suo 8° podio stagionale dal rientro proprio di Hamilton.

Alla spalle dei fantastici 4 stavolta fatica più del solito la Red Bull che chiude la gara con Verstappen al 5° posto e Daniel Ricciardo al 6°, mentre il vero spettacolo lo regalano Massa ed Alonso, autori di una corsa praticamente di coppia con Fernando che prova sino all’ultima curva a beffare l’idolo di casa per la 7^ piazza, senza però riuscirci. Bellissime poi le scene di festa nel dopo gara, con Felipe applauditissimo dal pubblico in quello che è stato (salvo nuovi ripensamenti…) il suo ultimo GP del Brasile in carriera. 9° posto per la Force India di Sergio Perez, battuta anch’essa in volta dalla McLaren di Alonso, mentre la zona punti viene chiusa dalla Renault di Nico Hulkenberg che porta così un punticino alla scuderia francese mantenendo ancora vive le speranze di un sorpasso nella classifica costruttori alla Toro Rosso, in quello che sarà il season finale di Abu Dhabi. I due team, insieme alla Haas, si stanno giocando il 6° posto tra i team, che vale diversi milioni di euro di budget in più o in meno per la prossima annata.

Questa la classifica finale del GP del Brasile:

1 Vettel S. Ferrari 1:31:26:262
2 Bottas V. Mercedes GP +2:762
3 Raikkonen K. Ferrari +4:600
4 Hamilton L. Mercedes GP +5:468
5 Verstappen M. Red Bull +32:940
6 Ricciardo D. Red Bull +48:691
7 Massa F. Williams +1:08:882
8 Alonso F. McLaren +1:09:363
9 Perez S. Force India +1:09:500
10 Hulkenberg N. Renault F1 +1 giro
11 Sainz Jr C. Renault F1 +1 giro
12 Gasly P. Toro Rosso +1 giro
13 Ericsson M. Sauber +1 giro
14 Wehrlein P. Sauber +1 giro
15 Grosjean R. Haas +1 giro
16 Stroll L. Williams +2 giri
Rit. Hartley B. Toro Rosso
Rit. Magnussen K. Haas
Rit. Ocon E. Force India
Rit. Vandoorne S. McLaren