Jonathan Rea imprendibile nel diluvio del Lausitzring

jonathan rea lausitzring

Jonathan Rea mette in chiaro che non ha alcuna intenzione di abdicare. Tom Sykes cade e spreca un’occasione d’oro

Il problema tecnico di Gara 1 aveva incredibilmente riaperto il mondiale SBK, riportando Tom Sykes a distanza di tiro del leader di classifica Jonathan Rea. Ma il campione del mondo ci ha messo appena 24 ore a ristabilire chi è il padrone del mondiale SBK.

Nel diluvio del Lausitzring Rea non ha rivali, e domina dal primo all’ultimo giro, offrendo una prova di forza incredibile. Le condizioni dell’asfalto e gli ultimi passi falsi commessi a Laguna Seca e in Gara 1, avrebbero forse suggerito una condotta più conservativa per il campione del mondo. Jonathan Rea ha preferito invece attaccare senza sosta, vincendo in solitaria e tenendo un ritmo inavvicinabile per chiunque.

Tom Sykes era alle spalle del compagno di Team, quando ha commesso un errore che pesa come un macigno sulla sua classifica. Sykes ha tentato di tenere la ruota di Rea, ed invece di accontentarsi di un piazzamento ha preferito forzare, arrivando ad un errore evitabile in questa fase del mondiale.

Le condizioni dell’asfalto hanno causato tantissimi problemi, ed i protagonisti a finire la propria gara nella ghiaia sono stati tantissimi. Davide Giugliano è stato velocissimo nelle prime fasi di gara, e stava tenendo agevolmente la ruota di Rea, quando è scivolato. Un vero peccato per l’alfiere della Ducati, che è in una fase molto delicata della propria carriera ed avrebbe potuto raccogliere un grande risultato.

Tanti i big a commettere errori, ingannati da un asfalto poco drenante, ed in una gara ad eliminazione sono emersi nomi che di solito non si affacciano sul podio. Le Aprilia dello Ioda Racing hanno incantato, con Lorenzo Savadori che stava impressionando per ritmo e velocità prima di incappare in un errore. La soddisfazione per il Team di Giampiero Sacchi è arrivata da Alex De Angelis, secondo al traguardo e felicissimo di aver finalmente raccolto un risultato all’altezza del suo palmares anche in SBK.

Terzo al traguardo è stato il concreto Xavi Fores, che è passato in due settimane dalla Desmosedici alla Panigale, raccogliendo un grande terzo posto davanti a Leon Camier. Il week end in Germania della MV Agusta è stato incredibile, con due top five assolutamente positive.

Sesto al traguardo Guintoli, meno veloce di quanto ci si aspettava. Il francese della Yamaha è infatti noto per essere un vero mago della pioggia ed in una Lausitzring inondata erano in tanti a scommettere sulle capacità anfibie del pilota transalpino. Solo settimo Chaz Davies, che dopo il dominio di Gara 1 non ha trovato feeling con la pioggia e si è accontentato di correre in difesa.

Dopo il fine settimana tedesco, la classifica del mondiale vede Jonathan Rea in testa a quota 393 punti. L’irlandese aumenta il proprio vantaggio su Sykes, portandolo a 47 punti. Restano ancora quattro manches e solo 100 punti in palio. Il mondiale non è chiuso, e quanto accaduto in Gara 1 al Lausitzring dimostra che fino alla fine sarà possibile aspettarsi delle rivoluzioni in classifica.

Chaz Davies sale a quota 295 punti ed alle sue spalle ci sono le due Honda, che hanno entrambe passato Davide Giugliano. Van Der Mark è quarto a 203 e Nicky Hayden quinto a 195. Davide resta fermo a 194.

Questa la classifica di Gara 2 al Lausitzring:

gara-2