Jorge Lorenzo, nuova moto e vecchi rancori con Valentino Rossi

@DUCATI

Jorge Lorenzo è tornato a parlare dell’ex compagno di team Valentino Rossi sul quotidiano sportivo Marca. Il pilota spagnolo ha dichiarato di essersi sentito messo da parte in Yamaha a causa della forza mediatica del rivale

Che Jorge Lorenzo avesse lasciato la Yamaha con l’amaro in bocca era risaputo e le ultime dichiarazioni non fanno che confermare il pensiero dato che, sul quotidiano spagnolo Marca, il pilota si è lasciato andare ad esternazioni polemiche nei confronti della ex squadra e di Valentino Rossi. Vecchi rancori che Lorenzo si porta dietro a causa del trattamento iniquo che la casa dei tre diapason gli ha riservato “La Yamaha ha avuto un pilota che è un’icona del motociclismo, molto mediatico, che gli ha fatto vendere tante moto. Una situazione non facile da gestire nel momento in cui eravamo entrambi in lotta per il titolo” il pilota che sta per debuttare in pista con la Ducati GP17 lancia ai giornalisti un assist vincente per tornare sulla rivalità tra i due piloti che sembrava superata adesso che non dovranno più dividersi i box. Certo la stampa vive di queste dichiarazioni soprattutto a ridosso dell’avvio del Mondiale e Lorenzo non è un pilota nuovo a certe accuse, segno di una situazione che ancora non è riuscito a digerire “Ho capito che dovevano prendersi cura del loro diamante, nel senso delle vendite. Piaccia o no, nonostante i risultati e che siano trascorsi più o meno anni senza che abbia vinto il titolo, lui è ancora molto forte mediaticamente e continuerà a fare molto per le vendite del marchio” si legge nell’intervista. In pratica Lorenzo vede il rivale più come un testimonial d’eccezione più che come un pilota in pista trovando l’appoggio di una parte di tifosi e giornalisti che da anni danno per finita la carriera di Rossi.  Queste dichiarazioni arrivano dopo anni di finti sorrisi e sopportazione forzata ma da venerdì entrambi scenderanno in pista e non conteranno tanto i numeri sui social, l’affetto del pubblico o le moto vendute ma solo il cronometro. Rimane la certezza che comunque vada una cosa non mancherà mai: la polemica.