Laguna regno Kawasaki. Gara 2 a Tom Sykes

@WORLDSBK

Vero show nella seconda frazione del GP di Laguna Seca. Magnifica vittoria di Tom Sykes che mette in riga Davide Giugliano e Chaz Davies. Ritiro per Johnny Rea dopo un sorpasso da annali

Si critica spesso la SBK, quasi accusandola di essere diventata noiosa. Poi arriva un tracciato magico come Laguna Seca, ed una gara magnifica a mettere pace tra gli appassionati e questo magnifico sport.

La seconda frazione del nono round del mondiale SBK 2016 è stata un condensato di adrenalina, sorpassi, emozioni e colpi di scena. Una gara semplicemente meravigliosa, vissuta tutta sul duello tra gli alfieri della Kawasaki e quelli della Ducati.

Sono stati infatti loro quattro ad animare la gara dopo l’interruzione con bandiera rossa dopo appena quattro giri. Allo start della seconda frazione Davide Giugliano ha preso il comando delle operazioni, ed ha offerto una prova di forza incredibile, che gli permette di mettere definitivamente una pietra sopra il brutto infortunio dell’anno scorso subito sul toboga californiano.

Il feeling tra la Panigale e Davide è apparso assoluto, ma dopo la vittoria conseguita ieri da Jonathan Rea, la Kawasaki ha potuto contare sull’efficacia di Tom Sykes, che si è fatto trovare pronto a cogliere un’occasione d’oro. Il suo team mate e leader del mondiale è infatti incappato in un errore, forse figlio del problema tecnico che l’ha poi costretto al ritiro. E Sykes ha fatto bottino pieno, con 25 punti che gli consentono di tenere aperto il mondiale.

Un vero peccato per Jonathan Rea che ha scritto una pagina incredibile della storia della SBK con un doppio sorpasso al cavatappi ai danni di Sykes e Giugliano, e sembrava pronto a cogliere l’ennesima doppietta della stagione.

@WORLDSBK
@WORLDSBK

Poteva essere un’ottima occasione anche per Chaz Davies, che ha però trovato sulla sua strada un muro invalicabile. Davide Giugliano ha restituito al mittente tutti gli attacchi del gallese, offrendo uno spettacolo incredibile. Le due Panigale hanno incrociato le traiettorie, ed il terzo posto finale non è piaciuto per niente allo spilungone britannico, che l’anno scorso aveva firmato una doppietta a Laguna Seca.

Alle spalle delle due Ducati ufficiali si piazza un grande Xavi Forès, che fa una magnifica gara portando la Panigale del Team Barni a ridosso del podio. Quinto Nicky Hayden, che non ha ripetuto la bella gara di ieri incoronata con un podio.

Da segnalare il finale turbolento che ha visto protagoniste le due Yamaha R1 del Team Pata. All’ultima staccata Niccolò Canepa ha subito un attacco furioso da parte del compagno di team Alex Lowes, che ha perso l’anteriore della moto centrando in pieno la moto del pilota di Genova. Per fortuna il sostituto di Guintoli, ha portato ugualmente la moto al traguardo all’ottavo posto coronando una trasferta americana davvero magnifica che dovrebbe far riflettere tanti manager del paddock SBK.

La trasferta negli States prepara la lunga pausa di due mesi prima del prossimo round SBK previsto a Lausitzring a Settembre. La classifica di campionato vede Jonathan Rea saldamente in testa, ma fermo a quota 368 punti. Con la vittoria di gara 2 Tom Sykes si porta a 322, ad “appena” 46 punti dal compagno di team. Chaz Davies si conferma terzo in classifica risalendo a quota 260, alla siderale distanza di 108 punti dalla vetta della classifica. Giugliano sale al quarto posto in generale, a pari punti con Michael Van Der Mark a quota 185.

Questa la classifica di gara 2 a Laguna Seca

classifica gara 2