Marquez torna a vincere a Rio Hondo

MARQUEZ

Lo spagnolo vince una gara divisa in due frazioni che ha regalato cadute di tanti big. A terra Lorenzo, Vinàles e all’ultima curva una folle tentativo di Iannone fa sfumare un doppio podio Ducati

Il secondo GP della stagione 2016 in Argentina ha rivoluzionato in maniera molto pesante la classifica generale del campionato. I problemi della Michelin hanno condizionato tantissimo il normale svolgimento della gara che è stata divisa in due tranche per questioni di sicurezza. L’incidente occorso nelle prove a Redding ha infatti spinto la casa di pneumatici francese ad obbligare i piloti al rientro ai box in prossimità di metà gara, per garantire la totale sicurezza in pista.

Gli occhi erano tutti puntati sulla coppia Yamaha, ma il solo Valentino Rossi ha dimostrato di gradire le condizioni dell’asfalto condizionate dalla pioggia della notte. L’italiano ha preso presto il comando delle operazioni mentre il compagno di team è sprofondato attorno alla settima posizione prima di scivolare dopo il passaggio su una pozza d’acqua.

Il dominatore del Qatar ha così salutato la compagnia, mentre alle spalle di Rossi ci ha pensato Marc Marquez a forzare il ritmo. Lo spagnolo della Honda ha preso la testa della gara dando vita ad un duello da brividi con il pilota di Tavullia che si è portato avanti fino al momento del cambio moto. I due sono entrati infatti entrati assieme ai box, ma il cambio moto ha creato grandi problemi a Valentino che al suo rientro in pista sembrava aver perso il feeling della prima frazione.

Rossi non è stato in grado in questa seconda frazione di gara a tenere il ritmo di Marquez che è andato in fuga, ed ha anche subito il ritorno della coppia Ducati e di un Maverick Vinàles in formissima. Tuttavia lo spagnolo della Suzuki è incappato in una scivolata proprio mentre si apprestava a passare Rossi per la piazza d’onore, perdendo l’opportunità di fare un grandissimo risultato.

Dopo la sua caduta ci hanno pensato le Ducati a movimentare il finale di gara, recuperando a Rossi decimo su decimo fino a prendergli la scia. Il primo a passare Valentino è stato Andrea Iannone, che andando largo ha poi aperto la porta anche al passaggio di Dovizioso. Dopo un momento di confusione Rossi è stato passato anche da Iannone che si è messo alla caccia del compagno di team per tentare di passarlo in vista del traguardo. E proprio all’ultima staccata Iannone ha tentato un sorpasso definibile almeno azzardato. Le due Ducati sono entrate in contatto, cadendo a pochi metri da un risultato splendido per la Casa di Borgo Panigale.

Questa doppia caduta ha regalato una rabbia di proporzioni bibliche nel box Ducati e la possibilità a Rossi di conquistare una seconda posizione che sembrava sfumare a pochi giri dal traguardo. Anche Dani Pedrosa ha beneficiato di questo suicidio Ducati, agguantando un podio assolutamente insperato. Apprezzabile il gesto di Dovizioso, che nonostante tutto ha spinto fino al traguardo la sua moto.

In classifica generale Marquez sale in testa alla classifica con 41 punti davanti a Rossi con 33. Alle loro spalle paga la costanza di Pedrosa che è terzo a quota 27 mentre scende al quarto posto Lorenzo, fermo a quota 25. Un vero peccato l’errore di Iannone che ha tolto la possibilità a Dovizioso di conquistare 20 meritatissimi punti e prendersi la testa di questa classifica generale dopo i primi due round della stagione.

Classifica piloti MotoGP Argentina 2016

classifica gp