Doppietta Mercedes a Monza. Ferrari sul podio con Vettel

@IMAGE PHOTOAGENCY

Nico Rosberg vince ancora dopo Spa battendo Lewis Hamilton. Alle spalle delle imbattibili frecce d’argento la Ferrari torna ad essere la seconda forza in pista con Vettel e Raikkonen che chiudono terzo e quarto

Doveva essere una cavalcata solitaria quella di Lewis Hamilton a Monza, che dopo aver conquistato la pole position nella giornata di sabato relegando Rosberg a mezzo secondo di distacco, era atteso oggi ad un Gran Premio d’Italia da dominatore. Ancora una volta però la partenza si è confermata il suo tallone d’Achille in questa stagione, con l’ennesimo start a rilento che ha consegnato la prima posizione nelle mani di Rosberg e l’inglese che si è addirittura ritrovato in sesta posizione al termine del primo passaggio sul traguardo.

Rosberg ha così condotto la gara alla sua maniera, con una Mercedes anche qui a Monza assolutamente inarrivabile per gli avversari, ottenendo un’altra vittoria dopo quella conquistata in Belgio sette giorni fa e riportandosi vicino a Hamilton in classifica piloti, a sole due lunghezze di ritardo. Le due frecce d’argento sono riuscite a concludere il Gran Premio effettuando un’unica sosta, strategia grazie alla quale Hamilton, dopo aver sorpassato in pista Ricciardo e Bottas, è riuscito ad avere la meglio anche sulle due Ferrari chiudendo in seconda posizione.

È stata comunque una buona giornata per il team di Maranello, che dopo un periodo negativo durante il quale la Red Bull ha assunto il ruolo di seconda forza in pista, è tornata proprio nella gara di casa ad essere la prima inseguitrice delle Mercedes. Sebastian Vettel e Kimi Raikkonen hanno infatti conquistato ieri l’intera seconda fila dello schieramento, e oggi con un’ottima partenza sono passati alla prima curva in seconda e terza posizione, sopravanzando Hamilton che ha poi sfruttato la strategia Mercedes per tornare davanti. Una Ferrari sul podio di Monza quindi, risultato minimo per la squadra davanti ai suoi tifosi che hanno festeggiato il ritorno della SF16-H nelle posizioni che le competono. Resta un gap importante da recuperare rispetto alla Mercedes ma l’obiettivo per il finale di questa stagione è ormai quello di riuscire ad avere la meglio sulla Red Bull e di ottenere almeno una vittoria.

Il team di Milton Keynes è stato sicuramente la sorpresa in negativo a Monza, pista sicuramente difficile per la RB12 che però ha sofferto più del previsto. Ricciardo è riuscito a chiudere con una buona quinta posizione, grazie a uno splendido sorpasso nelle fasi finali ai danni di Valtteri Bottas, che ha chiuso alle sue spalle, con una lunga staccata alla prima curva. È andata peggio invece a Max Verstappen, protagonista delle cronache dell’ultima settimana dopo le discutibili manovre di cui si è reso protagonista nel Gran Premio del Belgio, che dopo una pessima partenza si è ritrovato nelle retrovie, riuscendo a chiudere la gara con un settimo posto finale. Per il giovane fenomeno di casa Red Bull anche un “gentle warning” nella giornata di ieri da parte di Charlie Whiting e della direzione gara per i fatti avvenuti a Spa.

Chiudono la zona punti le due Force India con Perez ottavo e Hulkenberg decimo, separate dalla Williams di Felipe Massa, al suo ultimo Gran Premio d’Italia dopo aver annunciato nel corso del weekend il suo ritiro dalla Formula 1 al termine della stagione in corso. Doppiati tutti gli altri piloti, con Haas e McLaren prime scuderie fuori dai punti. Lo spagnolo Fernando Alonso, con un pit-stop negli ultimi giri, si è curiosamente preso la soddisfazione di ottenere il giro più veloce in gara con una McLaren Honda più in affanno del solito sui lunghi rettilinei di Monza.

La classifica piloti vede Hamilton raggiungere quota 250 punti, due in più rispetto al rivale Rosberg, con Ricciardo che mantiene il terzo posto davanti ai ferraristi Vettel e Raikkonen, che recuperano qualche punto su di lui. In classifica costruttori la Ferrari si riavvicina al Red Bull, portandosi a sole 11 lunghezze, per una sfida apertissima alla seconda posizione dietro la Mercedes.

La Formula 1 torna in pista tra due settimane con la gara notturna di Singapore, lo scorso anno terra di conquista per la Ferrari con una Mercedes inaspettatamente in difficoltà. Se le condizioni dovessero ripetersi potrebbe essere finalmente l’occasione per la Rossa di conquistare l’agognata prima vittoria stagionale, ma con le due frecce d’argento così dominanti non sarà un’impresa facile.