I 100 ultras che hanno rovinato il Mugello

motogp-tifosi-rossi-mugello-2016
©imagephotoagency

Al Mugello è stata una gara spettacolare con colpi di scena, rotture, sorpassi e tante, troppe, polemiche sterili

Ricevo decine e decine di richieste di intervento in merito ai famosi fischi e tumulti del Mugello come se fossero l’unico aspetto fondamentale di una tre giorni memorabile e storica di grandissimo sport, spettacolo e grande civiltà e organizzazione. Nessuno mi chiede della gara pazzesca della Moto3 o dell’Inno Italiano vissuto in rispettoso silenzio o di migliaia di aspetti positivi di questo mostruoso e storico fine settimana del Mugello. Però siccome leggo solo commenti ridicoli e versioni distorte di una realtà che ho vissuto da un osservatorio privilegiato come la torre della direzione gara, allora è necessario fare una analisi seria e obbiettiva su questi episodi.

Io come sempre ho vissuto il GP d’Italia chiuso nella torre di vetro con tutti gli schermi e i microfoni aperti sulle 15 curve del Mugello e mi risulta davvero strano leggere tutti quei post sulle proteste del pubblico nei confronti degli spagnoli. Allora,  una volta per tutte,  la realtà dei fatti è la seguente: sui 158.000, ripeto centocinquantottomila veri appassionati presenti nella tre giorni del Mugello (record stagionale e assoluto per la pista toscana) ben 100 scemi hanno tentato di rovinare la festa con manichini dati alle fiamme, gabinetti verniciati e uno, ripeto, uno striscione sotto al podio.

Peccato che gli altri 157.900 hanno partecipato in modo civile sportivo e corale alla gara e al podio. Tanto che sfido chiunque a farmi sentire una registrazione dove si sentano fischi sotto al podio o durante l’inno spagnolo! E siccome ho le due registrazioni, quella di SKY e quella del canale internazionale della Dorna dove non si sentono assolutamente ne fischi ne cori, allora mi chiedo a chi possa giovare inventare una cosa che non è avvenuta e che farebbe passare il pubblico del Mugello come incivile e antisportivo.

L’immagine postata migliaia di volte con commenti ridicoli del famoso manichino è in effetti un’unica stupida bravata di questi 100 scemi che sono stati replicati in milioni di post, ma purtroppo sono l’unica espressione stupida di una marea pazzesca di appassionati tutti tranquilli civili e amanti delle moto. Anche solo come dato statistico mi sembra normale e accettabile che su 158.000 persone ci possano essere 100 scemi o 10 tedeschi ubriachi che danno fuoco ai gabinetti! Ma da qui a dire che la festa è stata sciupata mi sembra una grossa menzogna. La festa è stata stupenda corale civile e correttissima. Io i fischi veri li ho sentiti in Francia ma non certo al Mugello e comunque se anche ci fossero stati sarebbero anche stati comprensibili e non deprecabili visto il fatto che moltissime migliaia di persone non seguono il motociclismo come sport ma seguono solo Valentino Rossi come una divinità pagana.

Quindi ci si poteva anche aspettare un certo atteggiamento da tifo calcistico che non esiste nel popolo delle due ruote. Perché solo chi ha una moto e sa cosa significa andare in pista su due ruote ama ogni atleta che ha il coraggio di correre,  con lo stesso rispetto dal primo all’ultimo e a prescindere da quello che possono aver fatto di illecito o lecito. Per fortuna gli ultras di Valentino sono stati sovrastati dal popolo dei motociclisti che è riuscito a creare la gara perfetta! Peccato che proprio Valentino Rossi non sia riuscito a realizzare la Gara Perfetta perché nel momento magico del suo attacco si è dovuto ritirare! Quindi chiudiamo questa stupida e inutile ricerca di una polemica inesistente felici e ancora con il sapore di una grande e indimenticabile tre giorni di sport bello e magico.