MotoGP, Crutchlow smentisce i colloqui contrattuali con Repsol Honda

Il britannico Cal Crutchlow ha negato qualsiasi trattativa per assicurarsi un posto nella squadra Repsol Honda accanto a Marquez dalla prossima stagione

Cal Crutchlow è in scadenza di contratto alla fine di quest’anno e Dani Pedrosa nel team ufficiale è stato oggetto di molte speculazioni. Il britannico è stato sottoposto a domande che lo hanno visto al centro dell’attenzione nelle scorse settimane sulla possibilità di approdare nel team ufficiale Honda al posto proprio dello spagnolo Pedrosa«Dobbiamo prestare rispetto sulla situazione attuale, parliamo del posto di lavoro di Pedrosa ma nulla è stato discusso. Io corro per LCR Honda e il mio compito è quello di correre e fare bene per me stesso per il team e per i fan. Punto a fare un buon risultato e non ho cercato il posto di Pedrosa, ho solo detto riguardo a Zarco che forse l’RC213V non si adatterebbe al suo stile di guida tutto qua. Pedrosa è un pilota bravo e merita rispetto», ha dichiarato Crutchlow.

Crutchlow è intervenuto poi successivamente sul tema del doping nel motociclismo, argomento che lo ha recentemente visto al centro di numerose speculazioni: «Ho parlato in merito a questo argomento in un’intervista durata oltre 20 minuti quindi se volete sapere la mia idea in merito potete andare a leggerla. Credo che ci sia il doping nel motociclismo? Non lo so, c’è un qualcosa, io non sono contro altri piloti spero solo che ci sia più interesse e che venga attuato un piano di controlli migliore di quello che c’è adesso».

Leggi anche: MotoGP, Crutchlow al veleno sul doping: «C’è chi prende scorciatoie»