MotoGP, test Qatar: Iannone sorprende tutti nel Day 2

@TWITTER

Andrea Iannone firma il miglior tempo, togliendo per pochi millesimi il primo posto a Dovizioso

La Suzuki brilla in Qatar, dove il 18 marzo partirà il Mondiale 2018. Andrea Iannone chiude in 1:54.586 la sua prestazione del venerdì, staccando Andrea Dovizioso di 41 millesimi. La seconda delle Suzuki si piazza al 5° posto con Alex Rins, a +0.381 dal compagno di squadra Iannone. Dopo le prime due posizioni il distacco è di oltre un decimo, ad una distanza di 0.167, al 3° posto si piazza la Honda di Marc Marquez che precede il costante Johann Zarco giunto 4° davanti a Rins.  Le Yamaha, che ieri avevano chiuso al primo posto con Viñales, chiudono il secondo giorno di test con lo spagnolo al 7 ° posto dietro alla Honda di Cal Crutchlow e davanti alla Ducati di Danilo Petrucci.

A chiudere la Top Ten ci sono Jack Miller con il team Ducati Pramac e Dani Pedrosa, che termina la giornata davanti a Valentino Rossi. L’italiano ha accusato un grosso ritardo in sella ad una M1 2018 di nuovo in difficoltà. Continuano i problemi per Jorge Lorenzo che ha chiuso la giornata con il 14° tempo. Il maiorchino è sceso in pista con la carena asciutta, a differenza di Dovizioso, ma anche questo sembra non aver funzionato. Il miglior rookie della giornata è stato nuovamente Takaaki Nakagami, che ha chiuso con il 13° tempo. Franco Morbidelli, pur migliorando il tempo fatto registrare ieri, non è andato oltre 19° posto davanti a Bautista e Syahrin.

MotoGP – Test Qatar 2018, Giorno 2

  1. Andrea IANNONE, Suzuki, 1’54”586
  2. Andrea DOVIZIOSO,Ducati, +0”04
  3. Marc MARQUEZ, Honda,­­­­ +0”167
  4. Johann ZARCO, Yamaha, + 0”288
  5. Alex RINS, Suzuki, +0”381
  6. Cal CRUTCHLOW, Honda, +0”406
  7. Maverick VIÑALES, Yamaha,  +0”465
  8. Danilo PETRUCCI, Ducati, +0”602
  9. Jack MILLER, Ducati, +0”650
  10. Dani PEDROSA, Honda, +0”696
  11. Valentino ROSSI, Yamaha, +0”730
  12. Aleix ESPARGARO, Aprilia, +0”874
  13. Takaaki NAKAGAMI, Honda, +0”953
  14. Jorge LORENZO,Ducati, +0”976
  15. Scott REDDING, Aprilia, +1”122
  16. Bradley SMITH, KTM, +1”212
  17. Tito RABAT, Ducati, +1”289
  18. Karel ABRAHAM, Ducati, +1”290
  19. Franco MORBIDELLI, Honda, +1”488
  20. Alvaro BAUTISTA, Ducati, +1”518
  21. Hafizh SYAHRIN, Yamaha, +1”677
  22. Thomas LUTHI, Honda, +1”709
  23. Xavier SIMEON, Ducati, +2”209
  24. Mika KALLIO,KTM, +2”632