MotoGP, Marc VDS dopo Tech3 in casa Yamaha?

Dopo la rottura tra la squadra francese e Yamaha, il team Marc VDS è in pole position per firmare con la casa giapponese e diventare team satellite dal 2019

Un’operazione che sembra ormai ai dettagli: quasi certamente sarà Marc VDS a diventare il team satellite Yamaha, subentrando a Tech3. Il team di Hervé Poncharal già da tempo aveva ufficializzato la separazione con la casa giapponese, firmando con KTM per il 2019. Il posto lasciato libero, quindi, sarà dato alla squadra belga, che dal 2015 era legata ad Honda, ma che nell’ultimo periodo si era detta insoddisfatta del trattamento ricevuto.

L’accordo tra la casa di Iwata e quella di Marc van der Straten è stato sicuramente agevolato da Valentino Rossi: non potendo portare il suo team nella classe regina si è voluto creare comunque una collaborazione con l’Academy del dottore. Uno dei piloti del team Marc VDS è Franco Morbidelli, campione in carica della Moto2 e membro della VR46 Riders Academy. Il legame Rossi-Morbidelli è stato uno dei fattori chiave per il raggiungimento di questa intesa.

La relazione con la VR46 Academy era stata confermata anche da Lin Jarvis, direttore Yamaha in MotoGP, dopo il rinnovo di Valentino Rossi: «Abbiamo una relazione con la VR46 Academy. Analizziamo il mercato in generale, ma abbiamo questo accordo e l’idea è di avere con noi uno dei suoi piloti quando sarà il momento giusto. Un buon esempio è Morbidelli: c’era stata una possibilità ed eravamo molto interessati a lui. Ma allo stesso tempo, Jonas Folger e Johann Zarco avevano già firmato con Tech3, e Rossi e Viñales avevano un contratto con noi, quindi non avevamo una moto per lui».