MotoGP, retroscena di un litigio tra Lorenzo e Dall’Igna

Alla vigilia del GP in Argentina nasce l’incomprensione con il capo delle corse Ducati

Jorge Lorenzo sta vivendo un inizio di stagione decisamente complicato. Uno zero in Qatar dovuto ad un problema ai freni, un rinnovo con Ducati che sembra sempre più lontano e il divorzio con il preparatore Alex Debon, sono i segnali evidenti che il maiorchino manca della serenità necessaria per affrontare una lunga stagione in MotoGP. L’ultimo episodio capita alla vigilia della tappa argentina a Termas de Rio Hondo: Jorge Lorenzo ha litigato con il capo corse Ducati, Luigi Dall’Igna.

L’indiscrezione arriva da La Gazzetta dello Sport e Dall’Igna ha confermato il problema avuto con il pilota spagnolo: «Litigio? È chiaro che non sempre le opinioni tra un direttore generale e il pilota possono collimare. Parlerei, più che di un battibecco, di un normale scambio di idee nell’ottica di fare il bene di entrambi. Io sono convinto che se riuscirà a stare un po’ più calmo porterà tutta la squadra a lavorare meglio e sarà più facile per lui ottenere risultati». Non è chiaro quale possa essere stata la causa del diverbio ma intanto la Brembo, ha fatto le scuse ufficiali a Lorenzo per il problema ai freni riscontrato in Qatar che gli ha impedito di ultimare la corsa: «In relazione a quanto accaduto al pilota Lorenzo del Team Ducati durante il Gran Premio di MotoGP del Qatar, Brembo è realmente dispiaciuta che il ritiro del pilota nel corso del 12esimo giro sia stato causato da un problema legato all’impianto frenante. Al termine di accurate analisi dei nostri tecnici, confermiamo che il problema è stato individuato e risolto affinché tale anomalia non possa ripresentarsi».

Per quanto riguarda invece il rinnovo contrattuale di Lorenzo, Dall’Igna ha dichiarato: «Potrebbe andare via anche Dovi se è per questo. La trattativa sarà complicata e va gestita bene con entrambi i piloti. Io mi auguro di no, però potrebbe succedere».