MotoGP, Suzuki punta su Jorge Lorenzo per la stagione 2019

La Suzuki punta al campione della MotoGP Jorge Lorenzo al fianco di Alex Rins per la stagione 2019

Mentre Rins ha rinnovato per due anni il contratto con Suzuki, la casa giapponese è ai ferri corti con Andrea Iannone e sta cercando un sostituto per il pilota italiano. Iannone non è stato all’altezza del suo ruolo di pilota della Suzuki da quando è arrivato all’inizio del 2017 dalla Ducati, finendo tredicesimo nella classifica dello scorso anno, e quest’anno è stato messo in ombra dalle prestazioni di Rins, che ha conquistato il primo podio della squadra dal 2016 nel fine settimana in Argentina.

Lorenzo è emerso come la scelta preferita della Suzuki per affiancare Rins nel 2019, con molti membri del team convinti che la GSX-RR sarebbe una moto perfetta per lo stile del pilota Ducati. Dopo una stagione di debutto impegnativa in Ducati lo scorso anno, Lorenzo sta continuato a lottare per sentirsi a suo agio a bordo della Desmosedici, ma ha segnato solo un punto nelle prime due gare della stagione.

La mancanza di risultati, combinata con l’ascesa di Andrea Dovizioso nel ruolo di pilota numero uno della Ducati, significa che Lorenzo non sarà in grado di continuare a percepire i 12 milioni di euro che guadagna attualmente se rimanesse nel 2019. Sullo sfondo di crescenti dubbi sul fatto che Lorenzo sia mai in grado di adattarsi completamente alla Ducati, un passaggio alla Suzuki sembra offrire una via d’uscita dalla situazione.

Le prossime tre gare saranno critiche, poiché un’improvvisa ripresa di forma potrebbe convincere Lorenzo a restare anche con un taglio di stipendio, anche se Suzuki non ha le risorse per offrirgli il denaro che sta attualmente il pilota maiorchino sta guadagnando. Tuttavia, le alternative di Suzuki a Lorenzo sono limitate e ha deciso di lanciare i suoi sforzi per convincere il pilota a saltare a bordo.