MotoGP, parte con il test di Valencia la stagione 2018 – la classifica finale

@YAMAHARACING

I festeggiamenti per il titolo conquistato da Marc Marquez sono già un ricordo a Valencia, dove si stanno svolgendo i primi test MotoGP 2018 con tante novità

Come da tradizione, appena due giorni dopo il termine della stagione si sta già lavorando a Valencia sul futuro ed in particolare su una stagione 2018 che presenta tantissime novità interessanti in griglia. Per noi italiani, la più stuzzicante è senza dubbio rappresentata dal debutto nella top class di Franco Morbidelli, fresco campione del mondo Moto2, che prova per la prima volta la belva Honda RCV 213 affidata al Team Marc VDS. Nello stesso box sarebbe anche dovuto avvenire il debutto di Thomas Luthi, che sta ancora recuperando dall’infortunio alla caviglia subito a Sepang.

Altrettanto interessante sarà seguire la prima giornata da pilota Ducati Pramac per Jack Miller, un rider che in questi anni di Honda Marc VDS non ha forse mai mostrato completamente il proprio potenziale, se non nella fortunata vittoria di Assen della scorsa stagione durante la quale si mostrò miglior pilota anfibio del gruppo. Un australiano su una Ducati, risveglia solo ottimi ricordi negli appassionati della Casa di Borgo Panigale e la speranza è che Miller possa tornare il mastino che riuscì a convincere la Honda a farlo saltare dalla Moto3 direttamente in sella alla MotoGP.

Oggi avviene anche il debutto di Scott Redding in sella all’Aprilia RS-GP. Il britannico nonostante una stagione decisamente poco esaltante, ha strappato un contratto da pilota ufficiale con la Casa di Noale, e cercherà il riscatto in sella ad una moto protagonista di una grandissima crescita da inizio anno che in pratica ha corso con un solo pilota viste tutte le difficoltà di Sam Lowes di adattarsi alla MotoGP.

Ducati scopre anche i due nuovi piloti del Team Avintia, con il debutto di Xavier Simeon e Tito Rabat che sono arrivati per sostituire Loris Bas e Hector Barbera.

Impressionante il primo numero da circo di Marc Marquez, che si è laureato campione del mondo per la sesta volta nella gara di domenica e si è già reso protagonista nei test di un salvataggio da una caduta che ricorda ancora una volta come abbia fatto questo ragazzo spagnolo a vincere così tanto ad appena ventiquattro anni.

Non è andata altrettanto bene a Valentino Rossi, protagonista di una spettacolare caduta nella quale ha praticamente distrutto la sua Yamaha M1 e dal quale è uscito fortunatamente illeso.

Al comando della classifica intanto si è portato il francese Zarco, che dopo la splendida gara di domenica sta confermando il suo feeling con la pista spagnola anche in questa prima giornata di test in vista del 2018.

Nella parte conclusiva della sessione è arrivata anche una brutta caduta per il pilota ceco Karel Abraham, che ha perso il controllo della sua Ducati terminando la sua spettacolare scivolata nella ghiaia e distruggendo la propria moto.

 

Alla fine tempo più veloce è stato quello fatto segnare da Maverick Viñales in 1:30.189. Il pilota del team Factory Yamaha nell’ultima ora di sessione è riuscito a risalire la classifica fino alla prima posizione, sopravanzando di due decimi esatti Zarco e di 312 millesimi Marc Marquez, mentre Valentino Rossi ha terminato al 4° posto dopo lo spavento della caduta patita in mattinata. 5° Jack Miller, migliore delle Ducati e parso subito a suo agio all’esordio sulla Desmosedici, mentre ha concluso al 7° posto finale Andrea Dovizioso.

Questa la classifica finale dei Test MotoGP di Valencia

1. Maverick Vinales SPA Movistar Yamaha (YZR-M1) 1m 30.189s
2. Johann Zarco FRA Monster Yamaha Tech3 (YZR-M1) 1m 30.389s +0.200s
3. Marc Marquez SPA Repsol Honda (RC213V) 1m 30.501s +0.312s
4. Valentino Rossi ITA Movistar Yamaha (YZR-M1) 1m 30.519s +0.330s
5. Jack Miller AUS Octo Pramac (Desmosedici GP17) 1m 30.635s +0.446s
6. Aleix Espargaro SPA Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 30.756s +0.567s
7. Andrea Dovizioso ITA Ducati Team (Desmosedici GP17/18) 1m 30.850s +0.661s
8. Jorge Lorenzo SPA Ducati Team (Desmosedici GP17/18) 1m 31.059s +0.870s
9. Pol Espargaro SPA Red Bull KTM Factory (RC16) 1m 31.166s +0.977s
10. Cal Crutchlow GBR LCR Honda (RC213V) 1m 31.259s +1.070s
11. Dani Pedrosa SPA Repsol Honda (RC213V) 1m 31.328s +1.139s
12. Bradley Smith GBR Red Bull KTM Factory (RC16) 1m 31.415s +1.226s
13. Tito Rabat SPA Reale Avintia (Desmosedici GP16) 1m 31.673s +1.484s
14. Danilo Petrucci ITA Octo Pramac (Desmosedici GP17/18) 1m 31.721s +1.532s
15. Scott Redding GBR Factory Aprilia Gresini (RS-GP) 1m 32.075s +1.886s
16. Karel Abraham CZE Aspar Ducati (Desmosedici GP16) 1m 32.445s +2.256s
17. Takumi Takahashi JPN LCR Honda (RC213V)* 1m 32.723s +2.534s
18. Franco Morbidelli ITA EG 0,0 Marc VDS (RC213V)* 1m 32.762s +2.573s
19. Takaaki Nakagami JPN EG 0,0 Marc VDS (RC213V) 1m 33.569s +3.380s
20. Xavier Simeon BEL Reale Avintia (Desmosedici GP16)* 1m 34.242s +4.053s