MotoGP Valencia, Dovizioso: «Aver emozionato è la cosa più bella»

MOTOGP
@DUCATI

Andrea Dovizioso era arrivato a Valencia per tentare l’impresa e anche se non ci è riuscito rimane la soddisfazione per una stagione ricca di ottimi risultati

La gara di Valencia per la MotoGP si è risolta in due giri, il tempo necessario per vedere Marc Marquez riprendersi da una caduta alla sua maniera, con un’abilità che non fa che attribuire valore aggiunto al suo talento, due giri durante i quali la Ducati invece ha visto cadere davvero entrambi i suoi piloti ufficiali, a cinque passaggi dalla conclusione, quando ormai il sogno del titolo mondiale per Andrea Dovizioso era stato spento da quel giovane spagnolo che anche oggi ha dimostrato di saper fare la differenza.

Il “Dovi” è tornato ai box mesto, in sella alla sua Ducati fino alla fine e nel percorrere il rettilineo dei box ha visto la commozione e l’affetto di un paddock che negli anni ha davvero imparato ad apprezzare il suo modo di essere, così vecchio stampo, genuino e puro, un pilota d’altri tempi che in questa stagione ha fatto una vera impresa. «Siamo consapevoli di ciò che abbiamo fatto in tutta la stagione e sapevamo che non avevamo il passo qui a Valencia ma siamo stati abbastanza competitivi, è un peccato per il Mondiale anche se eravamo consapevoli che sarebbe stato complicato. È bello aver stupito tutti,  lavorando insieme per migliorare, questo è un risultato di squadra e delle persone in sede che lavorano tanto, questo ci ha permesso di vincere anche quando non eravamo abbastanza forti: ci siamo riusciti insieme, per questo adesso prendiamo il positivo. È stata una gara dura perché Zarco voleva vincere ed ha spinto forte quindi non c’è stato tempo per fare strategie, solo Marquez lo ha fatto perché sapeva di essere rapido e di potersi gestire, lui è stato davvero bravo e voglio fare i complimenti a lui e a tutta la sua squadra perché sono stati forti. In gara Lorenzo non mi ha fatto passare e io davvero non sapevo della mappa 8 ma è stato comunque un vantaggio perché avevo dei punti che non riuscivo a gestire e averlo davanti mi aiutava, lui è molto preciso ed è stato un vantaggio. Da martedì inizierà il lavoro per la prossima stagione e noi sappiamo di dover migliorare ancora, soprattutto i punti negativi dato che in questa stagione abbiamo potenziato quelli forti; stiamo combattendo da 5 anni ma ancora c’è molto lavoro da fare. Adesso mi godo tutti i bei ricordi di questa stagione dove ho capito di avere molto supporto perché penso di aver emozionato ed è la cosa più importante che mi porterò dentro, ho capito che anche nel paddock e tra gli altri piloti molti hanno fatto il tifo per me, questo mi rende felice perché vuol dire che ho trasmesso qualcosa di positivo» ha dichiarato Dovizioso che dopo la gara è rimasto a godersi l’affetto del team, dei familiari e degli amici nel box Ducati.