MotoGP, Yamaha consegna la nuova aerodinamica a Zarco e Folger

Tech3
@TEAM TECH3

Dopo aver omologato la nuova aerodinamica a Brno, Yamaha ha consegnato al Tech3 di Zarco e Folger la prima specifica, che verrà utilizzata a Silverstone

La Yamaha lavora incessantemente sullo sviluppo della M1, e a goderne non è solo la squadra ufficiale con Valentino Rossi e Maverick Vinales, ma anche il Tech3, la compagine francese che schiera i Rookie Zarco e Folger. Sulle M1 dei due piloti di Hervè Poncharal, debutterà nel weekend di Silverstone la carena dotata delle pance aerodinamiche utilizzate nella prima fase di stagione da Rossi e Vinales. Questa specifica di carena è stata infatti sostituita nel Team interno a partire dal test di Brno e successivamente dal Gran Premio d’Austria. Adesso verrà utilizzata sulle M1 del francese e del tedesco, che a Silverstone sono fiduciosi di poter ottenere degli ottimi risultati.

In particolare Jonas Folger ha dei bellissimi ricordi legati al tracciato britannico: «Mi piace moltissimo il tracciato di Silverstone, quindi dopo il weekend sfortunato in Austria, non vedo l’ora di correre lì, dove potremo attaccare ed ottenere un buon risultato. Sono certo che torneremo in forma e che raccoglieremo punti importanti, anche perchè Brno e Spielberg non sono andate come ci aspettavamo. Sono certo che riusciremo a dimostrare il  nostro vero livello a Silverstone, una pista su cui mi piace tantissimo guidare». Il motivo del grande feeling tra Folger e Silverstone è spiegato dallo stesso pilota: «Ho dei bellissimi ricordi qui, compresa la mia prima vittoria in 125 ed anche tanti altri ottimi risultati. Proveremo anche le nuove ali, e sarà interessante lavorare su queste nuove parti aerodinamiche. So che sarà un compito duro, ma trovo eccitante la sfida del Gran Premio di Gran Bretagna»

 

 

 

Anche Johann Zarco ha voglia di tornare presto in gara, e spera di consolidare il proprio vantaggio nei confronti del compagno di team nella speciale classifica riservata ai Rookie, che in questo momento lo vede primeggiare con un vantaggio di 22 punti su Folger: «Silverstone è una pista molto veloce, e sono contento di andare lì dopo le soddisfazioni del weekend in Austria. Le mie motivazioni sono altissime e il mio target è lottare con i migliori del gruppo per mettere assieme quanti più punti possibile per il campionato». Anche per Zarco la pista di Silverstone riserva dei bei ricordi, legati soprattutto alla Moto2: «In passato sono stato molto veloce a Silverstone con la Moto2, quindi spero di esserlo altrettanto con la mia Yamaha. Sono certo che troverà la giusta fiducia e il mio obiettivo sarà lavorare sulle gomme per fare una bella gara e finirla vicino ai primi».

Anche Hervè Poncharal ha parlato dell’arrivo in Gran Bretagna del Tech3, sottolineando che ci sarà un’aspetto molto diverso rispetto al passato: «Sarà la prima volta in tanti anni che arriviamo in Gran Bretagna senza avere un pilota inglese, dopo Ellison, Toseland, Smith e Crutchlow, che hanno tutti corso con noi. Siamo abituati a ricevere nel nostro team un enorme supporto dal pubblico, che è uno dei migliori al mondo. Un grande momento del fine settimana sarà quello dedicato alla Riders for Health di giovedì (l’asta benefica in cui i piloti mettono a disposizione memorabilia che va all’asta, NDR) un momento in cui il Paddock è aperto e puoi incontrare moltissime persone. E’ un evento davvero speciale, costruito in modo amichevole per il pubblico, durante il quale tanti piloti e team manager salgono sul palco anche per condividere con il pubblico la propria passione per la MotoGP».

Passando alle speranze riguardo la gara, Poncharal sa che il podio è possibile: «Spero davvero di poter dire grazie ai tifosi con un podio in Gran Bretagna, che sarebbe un vero sogno, e sarebbe anche un bellissimo premio per i due membri inglesi del Team nella loro gara di casa. Steve Blackburn è un meccanico della crew di Zarco, che corre con noi da tanti anni. E anche Will Moody, il nostro coordinatore sui social Media che si occupa anche dei comunicati stampa, une delle figure chiave nella comunicazione del team. Noi siamo pronti per questo evento davvero speciale».