A Phillip Island Crutchlow vince e Rossi incanta

CAL CRUTCHLOW PHILLIP ISLAND
@LCR TEAM

Secondo successo stagionale per Cal Crutchlow, che domina a Phillip Island. Strepitosa rimonta di Valentino Rossi. Cade Marc Marquez mentre era leader

Il gran premio MotoGP di Phillip Island ha regalato uno spettacolo incredibile agli appassionati, con la seconda vittoria stagionale ottenuta da Cal Crutchlow e l’incredibile rimonta di Valentino Rossi. Al pronti via il GP sembrava potesse diventare un monologo di Marc Marquez e della sua Honda, ma il Cabroncito ha esagerato.

Il fresco campione del mondo è incappato in una scivolata mentre stava dominando la gara, ed ha lasciato strada libera ad un fenomenale Cal Crutchlow. Il gioiello di Lucio Cecchinello ha colto l’occasione, ed ha fatto valere la regola di Cal in Australia. Il britannico ha un legame particolare con il tracciato di Phillip Island, ed è stato in grado di tenere un ritmo molto efficace dal primo all’ultimo giro, tenendo testa alla rimonta di Valentino Rossi, che ad un certo punto del GP era a meno di due secondi dalla Honda del Team LCR.

Rossi ha sovvertito per l’ennesima volta i pronostici. E’ bastato che la temperatura dell’asfalto salisse di qualche grado per consentire a Valentino di trovare quel feeling perduto e spingere dal primo all’ultimo giro. Valentino Rossi non ha esagerato, recuperando giro su giro e passando sempre con estrema pulizia tutti gli avversari, fino al punto di avere a distanza di tiro il leader della gara.

@YAMAHA RACING
@YAMAHA RACING

Nella seconda parte del GP un degrado forse eccessivo della gomma posteriore, non gli ha consentito di portare l’assalto a Crutchlow, ma i venti punti di questo secondo posto costituiscono un bottino fondamentale per mettere in cassaforte almeno la piazza d’onore in questa stagione 2016.

Sul terzo gradino del podio è salito l’autore di un’altra magnifica gara in rimonta, e cioè Maverick Vinales, che ha dato anche vita ad un duello spettacolare con il compagno di team Aleix Espargaro, prima che Aleix finisse nella ghiaia nel tentativo di resistere. La Suzuki è cresciuta tantissimo, ed a fine gara Maverick ha ammesso ai microfoni di aver raggiunto un feeling con questa moto tale da riuscire a farle fare qualsiasi cosa in pista.

Con questo podio Vinales si avvicina anche a Jorge Lorenzo nella classifica di campionato, e potrebbe strappare il podio mondiale al maiorchino se a Valencia dovesse fare una gara al top.

Non riesce ad artigliare il podio la Ducati, con Andrea Dovizioso quarto che per tutta la gara ha fatto valere la potenza del suo Desmo per resistere e rispondere agli attacchi degli avversari. Resta l’amaro in bocca per quello che avrebbe potuto fare Iannone su questa Ducati in Australia.

Raccolgo il quinto ed il sesto posto Pol Espargaro ed un deludente Jorge Lorenzo, che a Phillip Island non ha mai trovato la strada per la competitività ed ha incassato un colpo durissimo alle sue ambizioni di poter conquistare la piazza d’onore del mondiale.

Buona settima piazza di Scott Redding, che vince il duello interno in Pramac con Danilo Petrucci, solo nono dopo un avvio vissuto nelle primissime posizioni. Si fa sempre più serrata la lotta tra i due per avere la GP17 nella prossima stagione, e sarà decisivo il GP di Valencia.

La seconda tappa del trittico va dunque in archivio con un GP davvero spettacolare, condito da una vittoria inaspettata e due rimonte magnifiche. Resta la tappa n°3 da correre a Sepang, nel prossimo weekend. Dopo Phillip Island, la classifica di campionato vede Marquez primo ma fermo a quota 273, mentre Valentino Rossi sale a 216. Jorge Lorenzo resta terzo a 192, ma alle sue spalle c’è un pericoloso Maverick Vinales, quarto a 181.

Questa la classifica del GP di Phillip Island MotoGP:

motogpgara-page-001