Qatar 2009, la pioggia nel deserto ferma la MotoGP

L’amarcord della MotoGP in Qatar nel 2009

Losail 12 aprile 2009. Papà … ma nel deserto piove? … Chiòve, e cumm chiòve!

Inizio bagnato per la Moto GP. Nonostante gli enormi capitali investiti dai ricchissimi arabi per realizzare il circuito nel mezzo del deserto del Qatar, unico a veder disputata dal 2008 la gara in notturna grazie al costosissimo impianto di luci, nulla si è potuto fare contro la torrenziale pioggia. Proprio così, anche nel deserto piove!

Se ne sono accorti i piloti della 125, che dopo solo 4 giri di gara sono dovuti rientrare ai box, gara interrotta e cancellata, assistendo così ad un imbarazzante podio che ha visto primo Iannone su Aprilia, secondo Julian Simon sempre Aprilia e terzo Sandro Cortese su Derbi. I piloti ottengono però punti dimezzati in classifica generale. Dopo una lunga attesa la pista s’è asciugata e la 250 si è disputata sulla lunghezza ridotta di 14 giri, vedendo sul podio il terzetto di Aprilia composto da Barbera, Jules Cluzel e Mike Di Meglio.

Si arriva alla classe regina: Rossi, Stoner e tutti gli altri sono già in griglia con la pista finalmente asciutta che ecco si apre il cielo e una pioggia fitta e grossa bagna all’inverosimile la pista nel corso di pochi minuti. Tutti di nuovo ai box e i piloti già capiscono che la corsa non avrà luogo. Si riunisce la direzione tecnica ed inizia così una lunga discussione. Alle ore 23.32 arriva la notizia ufficiale: il GP del Qatar si recupererà lunedì 13 aprile alle ore 21.

‘Na goccia ‘e acqua scenn’
‘ncoppa ‘nu GP e fa
tic tic
tic tic
tic tic
ih che ‘scassamient ‘e cazz’…