SBK Jerez, Marco Melandri firma la prima pole in Ducati

SBK JEREZ MELANDRI
@DUCATI

Prima pole in Ducati per Marco Melandri con anche record della pista

Bellissimo turno di Superpole sul tracciato di Jerez de la Frontera che ci regala un poleman di colore diverso rispetto al solito verde Kawasaki. E’ Marco Melandri a prendersi la prima pole in Ducati dopo aver firmato anche le FP3 di questa mattina sempre davanti al campione in carica Jonathan Rea. C’è del grande feeling tra Marco Melandri e la pista di Jerez e tutto il weekend sta dimostrando quanto si stia trovando bene sul tracciato andaluso. Dopo aver firmato il miglior tempo delle FP3, Marco si prende anche la prima pole di carriera in Ducati stampando anche il nuovo record della pista in 1’38″960, pur perdendo 2 decimi nel T4 del tracciato. Seconda pole in carriera in Superbike per Marco Melandri e buoni propositi per la gara che scatterà alle 13.

Secondo, come nelle FP3, Jonathan Rea ad un niente, 21 millesimi, dalla bellissima pole di Melandri e terzo Alex Lowes con una Yamaha in netta crescita grazie anche al supporto di un pilota veloce come Niccolò Canepa, neo acquisto del team Superbike. Curioso come solo Melandri e Rea siano andati sotto al tempo della pole dello scorso anno di Tom Sykes. Ed è proprio Tom Sykes ad aprire la seconda fila con la quarta posizione davanti alla Yamaha di Van Der Mark ed all’Aprilia di Lorenzo Savadori in 1’39″776. Laverty apre la terza fila mista irlandese-britannica con Davies, solo 8° e con piccoli problemini, e Leon Camier con la sua MV Agusta che proveniva dalla SP1.

Quarta fila con Roman Ramos, Sylvain Guintoli e l’altro pilota di casa Xavi Fores proveniente anche lui dalla SP1. Ducati benissimo con Melandri e tanta fatica con Davies e Fores verrebbe da dire guardando la Superpole.

Seguono Mercado, De Rosa, Torres, Andreozzi, autore di un brutto errore nel corso della SP1 all’uscita dell’ultima curva quando era in vantaggio in tutti e tre i settori e provare ad entrare in SP2, Giugliano, Jezek, Russo, Badovini, Takahashi e Schmitter a chiudere.