Tati Mercado stravince al Lausitzring

superstock lausitzring mercado

Il pilota argentino del Team Aruba Jr riscatta un week end partito male con una gara maiuscola. Sul podio Staring e Riccardo Russo

Il ducatista del Team Aruba Jr ha conseguito una prestazione eccelsa sul fondo bagnato del tracciato del Lausitzring, ribaltando quelli che erano i pronostici sul suo conto, considerando che è stato in difficoltà per tutto il weekend sull’asfalto asciutto. Tati Mercado sul bagnato ha trovato una confidenza tale che lo ha portato a  stravincere con un distacco di 22” sul suo primo inseguitore l’australiano Bryan Staring.

L’argentino al momento della  partenza, sfrutta benissimo l’accelerazione della sua Ducati e già alla prima curva si trovava in seconda posizione , e nell’arco di poche tornate cominciava a prendere margine. Da quel momento  è cominciata una cavalcata solitaria che lo ha portato verso una grandissima vittoria.  Mercado nelle dichiarazioni post gara ha riferito di essersi trovato veramente a suo agio sulla moto e per questo ringrazia il team che ha lavorato incessantemente durante il weekend permettendogli di avere una moto competitiva.

Pur non avendo mai girato sul bagnato su questa pista ha trovato il feeling necessario che gli ha consentito di concentrarsi al meglio sul ritmo cercando di non commettere errori fino a fine gara. Una vittoria che gli da ancora più gusto, poichè avvenuta in un fine settimana negativo per il pilota BMW Raffaele De Rosa suo diretto rivale nel mondiale.

Mercado è riuscito a colmare il distacco in classifica guadagnando oltretutto un margine di ben 14 punti diventando il nuovo leader di campionato. Secondo al traguardo un grandissimo Bryan Staring che rientrava in pista dopo un infortunio che lo ha tenuto fermo per cinque mesi. Un gran risultato il suo, che è frutto di tanti sacrifici e di tanta passione sia da parte sua che da parte del Team Agro On-Benjan-Kawasaki che gli hanno permesso in questa giornata uggiosa di realizzare una prestazione che lo ripaga di tutti gli sforzi e la sofferenza passata in questo periodo.

Grande ritorno nel mondiale STK per Riccardo Russo del Team Yamaha Pata che conquista il terzo gradino del podio, dopo l’incidente di Assen che lo ha tenuto lontano dalla STK1000 per ben 5 mesi. Prestazione deludente invece per il pilota del Team BMW Althea Raffaele Russo che non riesce a fare meglio del decimo posto sul traguardo riuscendo a conquistare solo sei punti in classifica.

Una gara gestita in difesa per il pilota campano che non ha mai avuto il ritmo in gara per riuscire a stare con i primi, ma ha dovuto battagliare con i denti per cercare di perdere il minor numero di posizioni possibili in ottica campionato cedendo dunque la leadership al suo diretto rivale. Da considerarsi soddisfacente la prestazione di Kevin Calia sulla sua Aprilia RSV4 che riesce ad arrivare quinto in gara conquistando punti importanti per la classifica recuperando 5 punti all’alfiere BMW.

Quarta piazza per il pilota Kawasaki del Team Pedercini Racing Jérémy Guarnoni. Sesta posizione sul traguardo invece per Luca Salvadori in sella Yamaha R1 del Team Motozoo by Motoxracing seguito da Sebastien Suchet sulla R1 del Team Berclaz Racing by MotoXracing in settima posizione e da Luca Vitali che è risultato il miglior pilota BMW in pista chiude ottava posizione. Nono posto per il pilota della Nuova M2 Racing Roberto Tamburini che ha avuto non poche difficoltà sul bagnato trovandosi costretto a gestire una gara diversa rispetto a quella che poteva essere sull’asciutto viste le prestazioni conseguite durante il weekend.

L’asfalto bagnato del Lausitzring ha mietuto anche diverse vittime come Marco Faccani del Triple-M Racing caduto al settimo giro, nonchè Toprak Razgatlioglu del Team Kawasaki Puccetti Racing, caduto anche lui nel corso dell’ottavo giro dopo aver conquistato la pole.

Mancano due gare al termine del mondiale, e la STK1000 è imprevedibile. L’appuntamento è fra due settimane nel tracciato francese di Magny Cours. Ne vedremo delle belle.

Questa la classifica del GP del Lausitzring Superstock 1000:

classifica-stock