MotoGP, Lorenzo senza freni: «Con me la Ducati è cresciuta molto»

Jorge Lorenzo, prossimo al passaggio in casa Honda, ha rivelato alcuni retroscena interessanti sui suoi due anni trascorsi alla Ducati

Il Gran Premio della Comunità Valenciana sarà un appuntamento speciale anche per Jorge Lorenzo, alla sua ultima gara in sella alla Ducati, cui seguirà il trasferimento alla Honda con cui tenterà di interrompere la tirannia targata Marc Marquez.

Il pilota maiorchino, facendo il punto della situazione sui suoi due anni a bordo della moto di casa Borgo Panigale, ha rilasciato alcune dichiarazioni interessanti :«Non ho nessun rimpianto, so di aver dato il massimo sempre e allo stesso tempo ho potuto imparare tante cose. Questo matrimonio è stato fruttuoso per entrambe le parti. In questi due anni io sono diventato un pilota più completo e la Ducati ha potuto esplorare strade mai percorse prima. Sono contento di aver dato il mio contributo al progresso tecnico operato dalla squadra. In tanti adesso pensano che la GP18 sia la miglior moto in griglia e ciò mi rende orgoglioso».

Lorenzo è reduce dal brutto infortunio rimediato nelle libere in Thailandia, pochi giorni dopo la terribile caduta del GP di Aragon dello scorso settembre. Lo spagnolo sembra comunque essere tornato in condizioni fisiche accettabili: «Sto meglio, l’infortunio ha avuto un’evoluzione favorevole negli ultimi giorni. Ho tutta l’intenzione di godermi questa gara, anche se non ho potuto allenarmi molto per prepararla. Valencia però è un circuito che mi piace, la Ducati va bene sul bagnato e la pioggia potrebbe essere un vantaggio per noi».