MotoGP, Iannone: “Sono sereno, Aprilia mi aspetta”

Il pilota di Vasto ha convocato una conferenza stampa prima dell’udienza al TAS del prossimo 15 ottobre in cui si discuterà della sua sospensione per doping

Non è certamente un periodo facile per Andrea Iannone che a dicembre dello scorso anno è stato sospeso in via precauzionale dalla FIM a causa della positività riscontrata dopo un controllo antidoping della WADA durante il GP Malesia del 3 novembre 2019. I giudici hanno riconosciuto che è stato vittima di una contaminazione alimentare, ma il pilota di Aprila Racing è stato ugualmente sospeso per 18 mesi per non essersi informato sulle sostanze proibite, motivo per cui è stato fatto ricorso al TAS che discuterà la sua posizione il prossimo 15 ottobre.

Iannone è sembrato tranquillo nella conferenza stampa convocata ieri: «Sono sereno, Aprilia mi aspetta – ha detto – Sarà il giorno più importante della mia vita, si deciderà il mio futuro. Mi manca la mia moto, il mio sport, il mio lavoro».