SBK, Rea torna a vincere ad Imola ma la pioggia ferma Gara2

foto Ducati Aruba Team

Il weekend della Superbike di Imola ha riservato davvero moltissime sorprese

La Superpole conquistata da Chaz Davies che si aggiudica il giro veloce della pista davanti a Rea e al fino ad ora imbattuto compagno di squadra Bautista é stata davvero spettacolare. Poi Gara1 vinta da Rea (seguito da Bautista e Razgatlioglu) altra entusiasmante novità che dà un bello scossone alle quasi “noiose” gare a cui siamo stati abituati fino ad ora a causa dei prevedibili risultati.

Il Campione del Mondo ha messo la sua Kawasaki davanti alla Ducati e proprio nella pista di casa dell’azienda Italiana. Davies che finalmente sembra aver ritrovato il feeling con la sua moto si é dovuto ritirare a causa di un problema tecnico proprio mentre era in testa con gli altri due. Rea ha mostrato per tutto il week end di essere al top con la moto e di trovarsi davvero bene sul circuito Imolese a differenza di Bautista che non ha mai eccelso. Favoloso poi il terzo posto di Razgatlioglu che ha trovato il set up giusto ed é riuscito ad emergere e a mostrare il suo valore combattendo e tenendo testa a Van der Mark e ad Haslam.

Il pilota Bridewell direttamente dalla Gran Bretagna ha sostituito Laverty che si era infortunato durante le prove per il Team GoEleven ma non ha avuto ovviamente una prestazione da essere raccontata. Per quanto riguarda gli Italiani bravo Melandri che pur essendo partito male ha raggiunto i piloti che erano in lotta per salire sul podio precedendo Lowes e a seguire Rinaldi (8º nonostante alcuni problemi tecnici avuti nella mattinata) e Zanetti che ha chiuso nella top ten con una gara davvero bella essendo Imola una wild card con il suo Team Motocorsa Racing.

Ma la ciliegina sulla torta a Imola é stata la pioggia che ha risparmiato la gara della Supersport e la Superpole Race ma é caduta incessante e violenta su Gara2 che alla fine é stata annullata per motivi di sicurezza. Decisione molto sofferta dalla Direzione Gara che si é presa tutto il tempo necessario per cercare di sistemare la pista, controllarla e magari sperare in un arresto della pioggia ma non c’è stato nulla da fare. Le immagini parlavano da sole perché oltre ad esserci una pioggia molto fitta, incessante e copiosa si sono create delle pozzanghere (delle piscine più che altro), fiumi di acqua e la visibilità e il grip erano davvero ridotti a zero.

I piloti hanno comunque fatto un giro di pista con le due safety car per accertarsi delle condizioni critiche e hanno dato parere negativo sul proseguimento dello show. Ma probabilmente anzi sicuramente per rispetto del pubblico accorso e soprattutto pagante sono comunque entrati in pista per un’ulteriore prova ma dopo due giri sono rientrati nei box e Gara2 é stata ufficialmente annullata per le condizioni critiche della pista a causa di un meteo davvero avverso. Solamente Sykes, Rea e Haslam avrebbero corso ma la maggioranza ha vinto e non si è svolta la Gara.

Ora ci aspetta Jerez de la Frontera nel weekend del 7 giugno e se effettivamente Rea e la Kawasaki hanno ritrovato la carica e il set up giusto e anche Davies il feeling con la sua Ducati, ci saranno dei bei duelli da vedere.