Domenicali snobba la MotoGP: «Non è per veri appassionati»

DUCATI
@DUCATI

Claudio Domenicali ha analizzato i campionati MotoGP e Superbike lanciando una frecciata contro la classe regina: «E’ per chi non è molto esperto»

Claudio Domenicali, l’amministratore delegato della Ducati, ha rilasciato un’intervista al Corriere dello Sport dove ha commentato i successi stagionali della casa di Borgo Panigale in MotoGP e in Superbike: la Rossa nella classe regina è in lotta per il titolo mondiale con Andrea Dovizioso che ha vinto due Gran Premi mentre sta faticando molto con Jorge Lorenzo che dopo nove gare ancora non è riuscito a domare il Desmo. Le cose vanno bene anche nel campionato delle derivate di serie dove sia Marco Melandri che Chaz Davies sono riusciti a salire sul gradino più alto del podio.

La Ducati quindi torna a sorridere e a far paura agli avversari anche se il lavoro da fare per trovare la costanza di risultati è ancora tanto. «Le moto della Superbike alcuni anni fa erano superbi prototipi, mi ricordo ancor il duello a Imola tra Troy Bayliss e Colin Edwards, adesso i tempi sono cambiati ma occorre trovare un modo per rendere più interessante il campionato», ha dichiarato Domenicali che non ha risparmiato nemmeno una stoccata alla classe regina: «Credo che la Superbike sia per i veri appassionati mentre la MotoGP per chi non è molto esperto, soprattutto da quando nel 2002 le moto sono a 4 tempi i campionati sono diventati simili: è per questo che adesso la Superbike non riesce a trovare un suo posto nel mondo della corse».