F1, Gp Portogallo: i promossi e bocciati del weekend a Portimao

Esteban Ocon, pilota francese dell'Alpine Renault

Gara magistrale di Hamilton che vince il duello con Verstappen, Norris si conferma ‘primo degli altri’, piacevole sorpresa Alpine

Il weekend di Imola, quello del Gp Emilia Romagna, porta in dote la prima gara bagnata della stagione e, soprattutto, il primo errore stagionale di Lewis Hamilton che si deve arrendere ad uno strepitoso Max Verstappen e viene salvato dalla bandiera rossa. Sul podio con loro anche un grandioso Lando Norris che compie una rimonta magistrale. Questi i promossi e i bocciati del weekend:

PROMOSSI

Hamilton Quei 0”007 che gli sono costati la pole position se li è legati al dito ed in gara ha trasformato la delusione in determinazione; subisce inizialmente il sorpasso di Verstappen ma va a riprendersi il maltolto prima di riservare egual trattamento a Bottas che non può far altro che arrendersi. Gestione di gara, ancora una volta, da grandissimo di questo sport.

Norris Si conferma ancora una volta ‘primo degli altri’, chiudendo al 5° posto, ossia il primo utile alle spalle di Mercedes e Red Bull. Ennesima gestione di gara magistrale, era anche riuscito a mettere il naso davanti a Perez per qualche giro.

Alpine Nota di merito alla casa francese che in Portogallo riconquista competitività, tornando ai livelli del 2020 e facendo capire che per il 3° posto nei costruttori può dire la sua.

Perez Probabilmente sarebbe riuscito a finire la gara senza fermarsi ai box, una gestione magistrale delle gomme al termine di una gara solida anche se il weekend di Portimao certifica il suo ruolo da comprimario.

BOCCIATI

Bottas Non tanto per essere stato battuto da Hamilton quanto per aver ceduto con troppa facilità il 2° posto a Verstappen appena uscito dai box; non ha nemmeno provato a difendersi e non è la prima volta che questo accade. Qualcuno lo definì ‘morbido come un gelato’ e probabilmente tutti i torti non li aveva.

Mazepin Costantemente ultimo, riesce pure a beccarsi una penalità perché non fa passare Perez malgrado le bandiere blu. Il problema non è tanto che Mick Schumacher abbia il vantaggio di essere supportato da Ferrari, il problema è che Mick è un buon pilota debuttante, lui no.

Ricciardo Eliminato malamente in Q1, prende l’ennesima scoppola da Norris e non basta la rimonta in gara che lo vede giungere 9°, anche perché subisce il sorpasso da Alonso nel finale, lasciando per strada punti importanti.

Raikkonen Unico ritirato della gara con un errore da principiante; calcola male la distanza e la scia e finisce per tamponare Giovinazzi al 1° giro. Inaccettabile per il pilota più esperto in F1.

Sainz Una fantastica qualifica, trasformata in una gara disastrosa conclusa addirittura fuori dalla zona punti mentre Leclerc faceva l’esatto contrario. Sicuramente partire con gomma morbida non ha aiutato ma Norris e Ocon che avevano la sua stessa strategia hanno fatto decisamente meglio.