La Formula 1 ritorna alla sua vocazione originaria fortemente europea

vettel hamilton
Un duello tra Hamilton e Vettel a Barcellona - @imagephotoagency

A causa della pandemia, la Formula 1 si è trovata costretta a tornare in quello che è sempre stato il suo nucleo, ovvero il Vecchio Continente

Se negli ultimi anni la Formula 1 si è sempre più decentrata, puntando verso mete esotiche dalla scarsa tradizione motoristica (Vietnam, Corea, India, Turchia, Malesia, Singapore, Abu Dhabi, solo per citarne alcuni, ndr) ma col portafogli parecchio pesante, l’emergenza legata al Covid-19 ha fatto riscoprire al circus quella che è sempre stata la sua culla: l’Europa.

Come riportato in un editoriale sul Guerin Sportivo, al netto dei primi 8 Gp ufficiali tutti in Europa, si attende a breve l’introduzione di altri appuntamenti europei, alcuni già presenti in calendario ed altri che tornano dopo anni di assenza (si è parlato di Magny-Cours, Nurburgring, Imola e Hockenheim, ndr) ma anche di new entry come il Mugello e Portimao.