MotoGP, Marquez è leader nonostante 13 cadute. Ecco il suo segreto

Marc Marquez guida la classifica MotoGP anche se è uno dei piloti che in questa stagione è caduto di più

Marc Marquez in queste prime nove tappe della stagione MotoGP è caduto ben 13 volte. Una statistica difficile da credere dato che il pilota Honda attualmente guida la classifica grazie ai 129 punti guadagnati. La soluzione per questo problema potrebbe arrivare dai test a Brno dove Marquez, Dani Pedrosa e Cal Crutchlow proveranno qualche novità per rendere più competitive le loro moto (leggi qui: Marquez e Pedrosa provano il nuovo telaio a Brno).

«In realtà si tratta di un circolo vizioso, il nostro problema principale è in uscita di curva perché non siamo in grado di accelerare come vorremmo e questo ci costringe a spingere molto in entrata. Frenare tardi porta a perdere l’anteriore che va in crisi e tende a scivolare quindi sarà fondamentale trovare un buon equilibrio, di sicuro darò il 100% per continuare a sfruttare i punti forti della Honda: l’importante anche quando si cade è rialzarsi sempre!», ha dichiarato Marquez. Lo spagnolo non sembra impensierito dalle numerose cadute in prova che a quanto pare lo aiutano a scoprire fino a che punto può spingersi con la sua moto.

L’analisi che offre lo spagnolo è molto particolare e offre un punto di vista inedito. Spiegando che le sue cadute avvengono quasi tutte per un eccesso di foga in fase di entrata di curva, dovuta all’esigenza di recuperare il terreno perso in accelerazione in fase di uscita dalla curva, lo spagnolo fa comprendere meglio quali siano le difficoltà attuali della Honda. Una moto che ha nella mancanza di trazione il proprio vero tallone di Achille. I test a Brno serviranno proprio ad arginare questo problema e tentare di restituire fiducia ai piloti per evitare di dover spingere troppo nel tentativo di recuperare.