Moto2, Qualifiche Argentina 2019: tutti i risultati – FOTO

MOTO2 FINALE STAGIONE
@RED BULL MEDIA HOUSE

Nella giornata di sabato 30 marzo si sono tenute le qualifiche per il Gran Premio di Termas de Rio Hondo, secondo appuntamento del Motomondiale 2019

QUI MOTO2

A sorpresa è del veterano Simone Corsi il miglior tempo al termine della Q1, seguito ad una manciata di millesimi dall’ottimo Bastianini. Nelle Q2 parte invece fortissimo Xavi Vierge, che riesce incredibilmente a battere il record della pista con 1’42”726.

I primi minuti vedono gli italiani decisamente attardati, con Marini che dopo circa dieci minuti è il miglior azzurro in ottava posizione. Gli ultimi giri di orologio sono ricchi di emozioni, con Vierge che riesce ad aggiudicarsi la pole precedendo Schrotter di appena 11 millesimi. Terzo posto per Lowes, seguito da Marquez e Luthi, quest’ultimo apparso leggermente più opaco dopo le ottime libere disputate.

Nel complesso, i primi quattro piloti sono racchiusi i meno di mezzo decimo, ma è delusione per gli italiani. Marini non va oltre il 13° posto e Baldassarri deve accontentarsi dell’ottava piazza, primo pilota azzurro seguito da Bulega nono. Di seguito, ecco la griglia di partenza per la gara di domani.

QUI MOTO3

Una Q2 strana sul tracciato di Termas de Rio Hondo per la Moto3. I piloti scendono in pista dopo alcuni minuti dal semaforo vere, ma quando lo fanno piovono caschi rossi. Dalla Porta si prende momentaneamente la testa della classifica, ma viene scalzato da Toba a cinque minuti dalla bandiera a scacchi.

Sul finale scendono in pista anche Arbolino e Fenati, con il primo che riesce a mettere a segno un tempo significativo che gli vale la terza casella in griglia di partenza. A sorpresa, però, è Jaume Masia a conquistare la pole position con l’1’48”775, a tre decimi da Canet in seconda posizione. Dalla Porta deve accontentarsi del quarto posto, in una seconda fila tutta italiana completata anche da Antonelli e Migno. Deludono Fenati e Toba, rispettivamente settimo e ottavo al momento del gong.