MotoGP, Marquez soddisfatto dei test a Misano: «Abbiamo lavorato bene»

Poche parole e tanti fatti per Marc Marquez nella due giorni di test a Misano: ottime sensazioni dalle quattro moto provate, nonostante tempi non entusiasmanti

Al termine della seconda giornata di test a Misano, Marc Marquez può ritenersi soddisfatto, non tanto per i tempi siglati quanto per il certosino lavoro svolto. Basti pensare che, soltanto nel pomeriggio di oggi è rimasto in pista per quasi 90 giri, fermando il miglior crono a 1:32.905. Il suo obiettivo, come quello di quasi tutti i piloti, era quello di aver uno sguardo sull’immediato futuro – lo sprint per il finale di stagione – e un occhio orientato alla prossima stagione.

Complessivamente, il Campione del Mondo in carica ha fatto ricorso a quattro RC213V, partendo dal modello attuale fino al prototipo 2020: «Abbiamo voluto lavorare soprattutto per le ultime gare della stagione e provare qualcosa per la prossima. Non si può dire che non sia stato impegnativo».Non si sbilancia troppo Marquez, rimanendo sibillino sui risultati riscontrati: «Non posso dire qualcosa di specifico: è stato solo un primo contatto ma abbiamo fatto bene partendo dalla base attuale. A noi interessava valutare e capire alcune cose in prospettiva dei test di Valencia e le abbiamo capito: per quanto riguarda il motore, il circuito di Misano non era l’ideale per noi».