MotoGP, Pernat su Rossi: «Valentino ha voluto dare un segnale forte con l’arrivo di Munoz»

Carlo Pernat
@Facebook Carlo Pernat

Dopo l’ottavo posto di Buriram di Valentino Rossi, è intervenuto il manager genovese Carlo Pernat in merito al cambio di capotecnico

A Buriram, Valentino Rossi è apparso visibilmente in difficoltà, a causa soprattutto della gestione delle gomme, concludendo la sua gara in ottava posizione, nonostante le premesse alla vigilia potessero sperare ben altro. Il cambio di capotecnico potrebbe portare, allora, per la prossima stagione nuova linfa al nove volte Campione del Mondo che vede, ora come non mai, il suo primato diventare sempre più raggiungibile, dal momento che dalla prossima stagione potrebbe essere eguagliato da Marc Marquez. A proposito della nuova gestione tecnica, è intervenuto ai microfoni di GPone.com, Carlo Pernat.

Il manager genovese crede, infatti, che l’avvento di Munoz possa essere importante per la ricerca di nuovi stimoli: «Così facendo, Rossi ha voluto dare un segno forte, vuole mostrare di esserci con questa mossa, giocando quest’ultima carta vista la competitività della Yamaha e il suo stato di forma. Per Galbusera si tratta invece di una promozione». Per poi lanciare una possibile indiscrezione di mercato per il futuro: «Magari Rossi, fosse ancora competitivo, potrebbe anche continuare oltre il 2021. Credo che la Yamaha abbia già fatto firmare a Quartararo il contratto per salire sulla moto ufficiale nel 2021, mentre Viñales ha delle buone possibilità di accasarsi alla Ducati»