MotoGP, Poncharal difende Zarco: «Valentino Rossi da giovane era molto più pericoloso»

VALENTINO ROSSI
@TECH3

Il numero uno della Yamaha Tech 3, Herve Poncharal, ha difeso il pilota francese dalle critiche di Valentino Rossi

Herve Poncharal, numero uno della Monster Yamaha Tech 3, ha preso posizione nella polemica tra Valentino Rossi e Johann Zarco, scatenatasi dal contatto durante il GP di Assen. Valentino Rossi lo aveva accusato di essere troppo aggressivo ma Poncharal ha difeso il pilota francese: «Per me sono situazioni normali durante una corsa e anche Mike Webb ha detto che non c’era nulla da eccepire. Nessuno è più tranquillo di Zarco, non lo vedrete mai su di giri e ha fatto due gare intelligenti».

Oltre a questo, nell’intervista su Speedweek, Poncharal ha continuato: «Se sei il più affermato e qualcuno ti dà fastidio, ovviamente non sei felice. Ma noi tutti ricordiamo com’era Valentino quando è arrivato in 125, poi in 250 e in MotoGP. Ricordiamo i famosi duelli con Max Biaggi, Sete Gibernau e molti altri piloti si sono lamentati che fosse pazzo, pericoloso e aggressivo. I giovani piloti vogliono mostrare ciò che riescono. Vogliono far vedere a tutti di essere veloci e sono in grado di competere con le stelle già affermate. E questi a loro volta, vogliono rimanere in cima il più a lungo possibile. Questo è umano. Questo accade nelle corse, nello sport e nella vita in generale».

«Rossi è un idolo per Zarco, lo ammira tantissimo e non farebbe mai nulla contro di lui. Ma anche Johann è un pilota e in certi momenti è più veloce di Valentino. Situazioni del genere capitano, non c’è niente di strano», ha concluso Poncharal.