Pramac si svela nella magnifica cornice di Napoli

Napoli e la MotoGP non hanno mai avuto un legame particolare, eppure la cornice scelta da Pramac per svelare la livrea 2017 è semplicemente meravigliosa

Il Team Pramac ha scelto una location davvero particolare per la presentazione della livrea 2017. Il Castel dell’Ovo di Napoli non è certamente un luogo sacro per la MotoGP, eppure il fascino e la bellezza di una cornice unica hanno regalato uno spettacolo incredibile. Paolo Campinoti adora fare le cose in grande e la crescita della sua squadra è sotto gli occhi di tutti. La Ducati ha scelto di affidare alla struttura toscana la gestione di una Desmosedici GP17 per accelerare il processo di crescita di un progetto ambizioso. Dopo la sfida one to one della scorsa stagione, è toccato a Danilo Petrucci l’onore di salire sull’ultima versione del gioiello MotoGP sfornato dalla factory di Borgo Panigale. La sintonia e la dimensione della partnership con il progetto della Casa bolognese è anche testimoniata dalla presenza di Gigi Dall’Igna, che ha voluto partecipare ad una kermesse importante per la squadra italiana.

I primi test hanno confermato a Danilo Petrucci di avere una chance unica, ovvero correre ad armi pari con i piloti ufficiali ed essere messo costantemente nella miglior condizione tecnica possibile. Il ternano è rimasto sorpreso dalla GP17, affermando che si tratta di un enorme passo in avanti rispetto alla GP15 avuta a disposizione nella scorsa stagione. Se saprà sfruttare bene l’occasione, il 2017 potrebbe diventare il trampolino perfetto per entrare nell’Olimpo dei top rider della categoria.

Nell’altra metà del box, Scott Redding dovrà dimostrare tutto il suo valore, intravisto a sprazzi nel 2016. Lo spilungone britannico potrà contare su una GP16 che è al massimo della propria evoluzione ed avrà a disposizione tutti i dati raccolti dal team ufficiale nel 2016 su ogni pista, il che potrebbe agevolare notevolmente il lavoro di setup, regalando il tempo per affrontare con serenità il week end di gara.