SBK, Redding perde la leadership: «Non posso più permettere che Rea si allontani così»

Foto di Team Ducati Aruba Racing

Dopo averla conquistata in Gara-1, Scott Redding perde la leadership del Mondiale SBK. In Gara-2 ad Aragon, conclude quarto e lamenta problemi di grip al posteriore

Il quarto Round del Mondiale Superbike, il primo del doppio appuntamento ad Aragon, ha regalato, come al suo solito, molte sorprese. Una su tutte il nuovo avvicendamento in testa alla classifica: dopo Gara-1, Scott Redding era riuscito a strappare la leadership al Campione del Mondo Jonathan Rea, ma il Cannibale non ha desistito e, dopo essersi avvicinato al ducatista in Superpole Race, lo ha definitivamente superato staccandolo di dieci lunghezze. Ora la classifica piloti recita 189 punti per il pilota Kawasaki a 179. Il prossimo weekend si tornerà in pista al Motorland e sarà sicuramente l’occasione, da parte di Redding, di “vendicare” quel quarto posto in Gara2 che lo ha fatto rallentare nella corsa alla Kawasaki del Campione del Mondo.

«Non so cosa sia successo di diverso domenica. Non ho fatto niente di diverso, ma c’era più grip. Quando Chaz mi ha sorpassato come un treno espresso, ho capito che questa non era la mia giornata. Ma a volte va così. Non sono mai riuscito a trovare il grip che mi potesse consentire di spingere con il giusto ritmo. Non posso lasciare che diventi un’abitudine che Johnny si allontani. So perfettamente che questa è la sua forza. Ma se non ho grip, non posso andare veloce».