8 ore di Suzuka: cambia il programma dei Suzuka Try Out

La 8 ore di Suzuka, programmata per il 19 luglio è confermata: a subire un corposo cambiamento, invece, sono stati i Suzuka Try Out

Fino alla settimana scorsa sembrava che tutto potesse svolgersi e procedere regolarmente, invece, negli ultimi giorni anche sulla 8 ore di Suzuka sono sorti i normali e leciti dubbi circa l’effettiva disputa dell’evento, in programma il prossimo 19 luglio. La competizione motociclistica Endurance più attesa della stagione da parte delle case costruttrici giapponesi, dunque, ad oggi, è ancora confermata ma saranno le valutazioni quotidiane legate all’evoluzione dell’emergenza COVID-19 a stabilirne l’effettiva realizzazione, a maggior ragione dopo il rinvio delle Olimpiadi di Tokyo al 2021.

Nonostante ciò, però, a procedere spediti sono i cosiddetti Suzuka Try Out, una serie di gare di qualificazione nelle quali i piloti sono chiamati a far risultato per poter poi competere alla finalissima del FIM EWC. Il programma originario prevedeva la suddivisione dei Suzuka Try Out secondo tre modalità: la 8 ore di Sepang dello scorso mese di dicembre, Gara 1 dell’All Japan Superbike a Suzuka del 4 aprile e il primo turno dei Suzuka Sunday Road Races di maggio. Invece l’emergenza Coronavirus ha imposto una revisione netta.

Dopo aver rinviato la prima tappa dell’All Japan, i Try Out sarebbero dovuti proseguire a Motegi, in quello che sarebbe stato il secondo atto della JSB1000, si è deciso di ridimensionare nettamente i Suzuka Try Out, limitandoli al solo evento dei Suzuka Sunday Road Races del prossimo mese di maggio, con addirittura fino ad un massimo di 39 posti in palio. Dopo i 6 posti assegnati di diritto in virtù della scorsa edizione ai quali vanno sommati i 12 ottenuti durante la 8 ore di Sepang, ci saranno a disposizioni uno slot ampio di posti, da 19 fino ad un massimo di 39 squadre. Qualora, invece, anche questo evento venisse rimandato,  il Comitato di selezione della 8 ore di Suzuka ha già previsto di estendere il numero di squadre ammesse a seconda del palmares storico o competitività dell’equipaggio titolare.