CIV, prima vittoria di Max Biaggi da team manager

max-biaggi-virgin-radio-2016

Al Mugello nel Campionato Italiano Velocità prima vittoria del Max Racing Team di Biaggi in Moto3; in Superbike il Campione Pirro cade al primo giro, riparte ultimo e vince!

Per gli appassionati italiani delle due ruote non ci sono solo le tappe del Motomondiale e della Superbike nel nostro Paese quelle tre/quattro volte l’anno per potersi godere un po’ di sano “motor racing”, ma quasi ogni week end offre appuntamenti motociclistici imperdibili in tutta la penisola. Primi fra tutti quelli del Campionato Italiano Velocità, la competizione nazionale in cui militano i piloti tricolore di massimo spicco, tra i quali i più giovani di loro in rampa di lancio per i livelli internazionali. Potrebbe essere uno di questi il 20enne Alex Delbianco, che nel week end appena concluso ha trionfato in un Mugello che era sommerso dall’acqua nella categoria Moto3 con il ‘Max Racing Team’. Esattamente, proprio la squadra del 6 volte Campione del Mondo Max Biaggi tanto chiacchierata nell’ultimo periodo per le sue vicende organizzative in vista del tentativo di approdare dal 2018 nel Mondiale. Un tentativo fallito, che ha fatto virare ‘Il Corsaro’ verso la scelta di un passo più breve e abbordabile come quello del CEV per il prossimo anno, e che si è andato ad aggiungere ad una stagione di esordio da team manager ‘travagliata’ da mille difficoltà per il romano.

PRIMA GIOIA DI UN ESORDIO SFORTUNATO DA TEAM MANAGER – La prima vittoria della nuova carriera di Biaggi è una soddisfazione che arriva come una manna dal cielo dopo il grave incidente in Supermotard, l’annuncio del ritiro dalle competizioni di Mahindra, fornitore di motori del ‘Max Team’, e l’iscrizione al Motomondiale rifiutata da Dorna con giustificazioni poco attendibili. Lo stesso dicasi per l’autore del successo Delbianco, che aveva iniziato il campionato infortunandosi al primo round di Imola in contemporanea al compagno di box Davide Baldini. Nota di colore anche per la classe Superbike, dove il tester e terza guida Ducati MotoGP Michele Pirro nella manche del sabato vince il titolo per la quinta volta, e poi alla domenica si rende protagonista di una sontuosa rimonta che ne ha ribadito la manifesta superiorità rispetto a tutti gli altri: cade al primo giro, risale in sella, incomincia a superare tutti, a due passaggi dal traguardo riprende anche il leader della corsa Kevin Calia e va a vincere dall’ultima posizione in cui era scivolato! Tutto questo è semplicemente: “la scuola italiana” delle moto.