F1, Fernando Alonso ad Austin con il casco della 500 miglia

@INSTAGRAM

Il pilota spagnolo, molto amato negli USA, celebrerà la sua esperienza vissuta in maggio ad Indianapolis nel GP in programma domenica prossima in Texas

Ormai il rapporto tra Fernando Alonso e gli Stati Uniti è più stretto che mai. Il pilota asturiano, molto amato dal pubblico della F1 nonostante le ultime tribolate stagioni con la McLaren che lo hanno costretto a stare troppo spesso lontano dalle posizioni che competerebbero a un campione con il suo talento, oltreoceano è diventato un idolo dopo aver scelto di correre quest’anno la 500 miglia di Indianapolis, la gara su ovale più famosa del mondo. L’esito purtroppo lo sappiamo: dopo una corsa passata sempre nelle primissime posizioni è arrivato il ritiro a pochi giri dalla fine per la rottura del motore. Nonostante questo però i fan nordamericani non hanno smesso di celebrare Alonso, come si è visto anche poche settimane dopo durante il Gran Premio del Canada quando lo spagnolo, dopo l’ennesimo ritiro, non ha esitato a salire in tribuna per prendersi l’abbraccio del pubblico.

Casco para el US GP. Helmet for the US GP. #indy500tribute #🇺🇸 #fans #thanks #mclaren #bellhelmets @bellhelmetseurope

A post shared by Fernando Alonso (@fernandoalo_oficial) on

Adesso che il mondiale si sposta nel continente americano Fernando ha deciso di celebrare la sue esperienza ad Indy e così è maturata la scelta di indossare in gara un casco speciale: sarà di fatto una copia di quello utilizzato in maggio ad Indianapolis, con la sola differenza del numero, che sarà il suo ‘solito’ 14 usato sempre nei Gran Premi, mentre nella 500 miglia aveva vestito eccezionalmente il 29. Un casco ‘da collezione’ e un’iniziativa che certamente sarà apprezzata da Liberty Media, la proprietà della F1 che da circa un anno ha rimpiazzato Bernie Ecclestone, e che è sempre molto attenta al tema della comunicazione. La Indycar e la F1 in un certo senso non sono mai state così vicine, con un campione come Fernando Alonso a fare da ponte per unire questi due mondi del motorsport.