F1 Malesia, trionfo di Max Verstappen!

@FACEBOOK

L’olandese con la Red Bull coglie a Sepang la 2^ vittoria in carriera battendo Hamilton. A podio anche l’altra RB13 di Ricciardo. Pazzesca rimonta per Vettel: da 20° a 4°

Max Verstappen vince il Gran Premio di Malesia e si fa il regalo più bello per il suo 20° compleanno. L’olandese della Red Bull evita incidenti in partenza e dopo pochi giri supera in curva 1 la Mercedes di Hamilton in quella che sarà la manovra chiave del Gran Premio. Da quel momento per lui è una lunga passeggiata fino al traguardo, senza inconvenienti nè attacchi subiti da Lewis, che semplicemente non ha avuto il passo per restare con il giovane fenomeno olandese. Chiude 3^ l’altra Red Bull di Daniel Ricciardo che dopo il via si libera in pochi giri di Bottas e poi nel finale resiste con il coltello fra i denti alla clamorosa rimonta di Sebastian Vettel. Il ferrarista è senza dubbio il pilota del giorno: partito 20° porta a casa una gara incredibile, fatta di tantissimi sorpassi in pista e di una grande gestione della strategia, il 4° posto è davvero il massimo che poteva ottenere oggi. Molto significativo poi il distacco inflitto alla Mercedes di Bottas, che scattava dalla 5^ piazza in griglia e che è terminata ad oltre 20 secondi dalla ‘rossa’ numero 5. Per il tedesco anche un assurdo incidente a gara conclusa con la Williams di Lance Stroll che lo colpisce sul posteriore distruggendogli una sospensione e costringendolo a rientrare ai box facendosi dare un passaggio dalla Sauber di Pascal Wehrlein. Occhio perché se il cambio fosse danneggiato sarebbe un problema in vista di Suzuka. Vettel adesso si trova a 34 punti da Hamilton in classifica con 5 gara ancora da disputare.

Per la Ferrari la domenica era iniziata in maniera terribile con il ritiro di Kimi Raikkonen che sarebbe dovuto scattare dalla 2^ posizione in griglia, ma ha sofferto dei problemi tecnici nel giro di allineamento e non ha potuto nemmeno prendere il via. In generale questa gara dimostra come la Ferrari abbia il passo per sognare ancora la rimonta nel campionato piloti, se solo si riuscissero ad eliminare i problemi di affidabilità.

Dietro Vettel chiude un disastroso Valtteri Bottas, mai competitivo. Gara fantastica invece per Perez che con la sua Force India termina 6° e dimostra una volta di più di essere ormai un pilota solido e costante. Alle sue spalle l’altro eroe di giornata, dopo Vettel e Verstappen: si tratta di Stoffel Vandoorne che con la McLaren-Honda realizza il suo secondo 7° posto di fila, ‘umiliando’ il suo titolatissimo compagno di box Fernando Alonso, che non è riuscito a fare meglio dell’11^ posizione. Un grande segnale per il belga che fa vedere di essere ormai un pilota di provato livello. Chiudono la zona punti le due Williams, con Stroll sempre più costante e nuovamente in grado di finire la gara davanti a Massa, e l’altra Force India di Esteban Ocon. Il francese porta avanti la sua lunghissima striscia di gare a punti: quattordicesimo arrivo in top 10 in quindici gare; meglio di lui solo Lewis Hamilton.

Questo l’ordine di arrivo del Gran Premio di Malesia:

1 Verstappen M. Red Bull 1:30:01:290
2 Hamilton L. Mercedes GP +12:770
3 Ricciardo D. Red Bull +22:519
4 Vettel S. Ferrari +37:362
5 Bottas V. Mercedes GP +56:021
6 Perez S. Force India +1 giro
7 Vandoorne S. McLaren +1 giro
8 Stroll L. Williams +1 giro
9 Massa F. Williams +1 giro
10 Ocon E. Force India +1 giro
11 Alonso F. McLaren +1 giro
12 Magnussen K. Haas +1 giro
13 Grosjean R. Haas +1 giro
14 Gasly P. Toro Rosso +1 giro
15 Palmer J. Renault F1 +1 giro
16 Hulkenberg N. Renault F1 +1 giro
17 Wehrlein P. Sauber +1 giro
18 Ericsson M. Sauber +2 giri
Rit. Raikkonen K. Ferrari
Rit. Sainz Jr C. Toro Rosso