Gp Toscana: un solo rettilineo al Mugello, la Ferrari spera di far meglio

Sebastian Vettel, alla sua ultima stagione in Ferrari

Dopo i pessimi risultati di Spa e Monza, la Ferrari spera che al Mugello la mancanza di velocità in rettilineo non sia così penalizzante

Un solo, lunghissimo rettilineo; quello del traguardo che va dalla Bucine fino alla staccata della San Donato, dopodiché 15 curve in sequenza, ad altissima velocità di percorrenza. Questo, in parole povere, il circuito del Mugello dove la Ferrari spera di invertire la tendenza rispetto alle uscite di Spa e Monza.

Il grande limite del Cavallino in questa stagione sta nel motore e, più precisamente, nella velocità di percorrenza dei rettilinei, dove le Rosse accusano parecchi km/h in meno rispetto alla concorrenza. Per questo, come riporta La Gazzetta dello Sport, il Gp Toscana Ferrari 1000 potrebbe essere più adatto alla SF1000, sicuramente non per salire sul podio (salvo situazioni imprevedibili, ndr) ma se non altro per evitare di finire ancora una volta fuori dai punti.