McLaren, si prevede un 2021 difficilissimo

La McLaren lascia a casa 900 dipendenti e taglia gli stipendi di Sainz e Norris

Lo slittamento di un anno dell’entrata in vigore dei nuovi regolamenti ha sicuramente messo in difficoltà qualcuno, dai piloti in scadenza nel 2020 ma anche alcuni team, McLaren su tutti.

In vista del cambio di regolamento previsto originariamente nel 2021 e posticipato di 12 mesi, molti team avevano di fatto posto uno spartiacque tra la fine del 2020 e l’anno successivo. Sono moltissimi infatti i piloti in scadenza di contratto a fine stagione, praticamente tutti. Adesso per loro sarà più difficile valutare il da farsi in vista di un 2021 con le stesse regole del 2020 e dunque rapporti di forza confermati. Ma chi ha un problema ben più grande è la McLaren. Il team di Woking, infatti, aveva annunciato la fine del rapporto con Renault a fine 2020 per tornare a braccetto con Mercedes a partire dal 2021. Un problema non da poco se si considera che un conto è ridisegnare la monoposto con il nuovo motore in un’ottica di rivoluzione totale del deisgn della vettura. Un altro è doverla ridisegnare per adattare il motore ad un progetto già esistente e destinato a durare una sola stagione…