Connettiti con noi

Superbike

Mondiale Superbike in Inghilterra: Razgatlioglu con la Yamaha chiude il week end in testa al Campionato!

Pubblicato

su

Mondiale Superbike in Inghilterra: Razgatlioglu con la Yamaha chiude il week end in testa al Campionato!

Sul circuito di Donington in Inghilterra questo fine settimana è arrivato il Mondiale Superbike e tutti i riflettori erano ovviamente puntati sui piloti “di casa” Jonathan Rea e Scott Redding che, a Misano nell’ultima gara, erano stati insidiati nella loro lotta per il Titolo Mondiale dal pilota Yamaha Razgatlioglu.

Un week end che ci ha illusi all’inizio che avrebbe avuto come unica costante il meteo più tipico per l’Inghilterra ovvero pioggia e leggera nebbiolina e che quindi avrebbe agevolato il 6 volte Campione del Mondo e la sua Kawasaki . Jonathan Rea inaugura, infatti, la pista con la sua quarta Superpole consecutiva con un tempo di 1’40’’101. Performance, invece, davvero sorprendente e degna di lode quella dei piloti BMW Van Der Mark e Sykes che con un distacco di solo mezzo secondo dal 6 volte Campione del Mondo hanno conquistato la seconda e terza posizione in griglia. Alex Lowes quarto posto e conferma i suoi miglioramenti nella guida della Kawasaki ufficiale e a seguire Gerloff, lo statunitense su Yamaha GRT ancora una volta regala grandi soddisfazioni (basti pensare che il pilota ufficiale Razgatlioglu si è piazzato solo tredicesimo!).

Solo sesto Redding, settimo Haslam, ottavo Rinaldi, nono Davies e decimo Mahias.

In Gara1 ecco la prima sorpresa: il meteo , la pioggia cessa, resta comunque una pista bagnata a sprazzi ma il cielo azzurrissimo porta tutti i piloti a scegliere gomme da asciutto e a correre i primi giri con giusto timore;  ed è Razgatlioglu, però, che prende subito vantaggio a discapito di Rea che sappiamo tutti essere “imprendibile” sul bagnato poiché molto bravo a guidare in queste strane condizioni di asfalto.

Dal tredicesimo posto in soli due giri si è ritrovato in testa alla gara fino alla fine e salendo quindi su un meritatissimo primo gradino del podio! Jonathan Rea dopo diverse brutte sbandate nel cercare di inseguire Razgatlioglu decide di accontentarsi del secondo posto. Terzo Lowes che, assieme a Sykes (quarto), Van Der Mark (quinto), Haslam (sesto) e Gerloff (settimo) hanno dato spettacolo con dei bellissimi sorpassi (con tanto di scivolata di Gerloff che risale in sella e prosegue la gara) per cercare di conquistarsi la terza posizione. Ottavo Bautista, nono Mahias e decimo Axel Bassani con la Ducati del Team Barni. Per le altre Ducati dopo una scivolata di Redding, undicesimo posto per Davies e poi Rinaldi. Gara1 da dimenticare.

Prima della Superpole Race il meteo agevola, invece, Rea con uno bello scroscio di acqua che lo porterà a conquistare la prima posizione mantenendo la testa della gara dal primo all’ultimo giro! Scott Redding ultima posizione quasi sicuramente a causa della scelta infelice di gomme (che ha fatto solo lui ovvero una morbida rain al posteriore contro le intermedie scelte da tutti gli altri piloti). Secondo e terzo posto per le sempre più prestanti BMW di Sykes e Van Der Mark. La “nuova” BMW sta dimostrando di avere tutte le carte per fare più che bene in questo Mondiale. Quarto posto per Haslam, anche lui sempre meglio con la Honda, quinto Gerloff e solo sesto Razgatlioglu. Settimo Mahias che confermandosi ancora una volta nella top ten nonostante la sua Kawasaki sia una moto di un team privato (Puccetti Racing) dà dimostrazione che la casa madre sta facendo un grande lavoro sulla propria moto senza escludere nessuno. Ottavo Davies ancora sofferente alla spalla per la caduta a Misano, nono Locatelli e “solo” decimo Rinaldi dal quale speravamo di più dopo la magnifica performance a Misano e che non fosse stata dovuta solo “alla pista di casa” ma ad un feeling e grinta ritrovate con la Panigale ufficiale.

Gara2, invece, da brividi: a tredici giri dalla fine Jonathan Rea messo sotto pressione da Razgatlioglu che nel frattempo nelle ultime gare con Redding che indietreggia si è confermato come il nuovo avversario al Titolo per il 6 volte Campione del Mondo, perde aderenza all’anteriore e ……..cade! Quindi 0 punti per Rea e la testa della Gara e del Campionato per Razgatlioglu. Bellissimo secondo posto per Gerloff e terzo per Sykes. Quarto posto per Redding che dal diciottesimo posto rimonta fino al quarto ma senza riuscire a fare di più, impresa già ammirevole quella del recupero di ben 14 posizioni! Quinto Van Der Mark, sesto Lowes, un buon settimo per Davies un ottavo per Rinaldi, nono Haslam e decimo Bautista, le Honda chiudono la top ten.

Ora gli sguardi sono tutti sul prossimo round ovvero quello Olandese del 23-24 Luglio 2021 che inizierà con Razgatlioglu in testa a soli 2 punti da Jonathan Rea… le sorprese non mancheranno!!!