MotoGP, Miller & Bagnaia entusiasti della nuova Ducati Pramac: «Una moto davvero incredibile» – FOTO

Ospiti di Sky Sport, in occasione della presentazione della nuova Ducati Pramac, Miller e Bagnaia hanno tracciato un resoconto degli ultimi positivi test, rivelando grande entusiasmo per l’inizio di stagione

Nella giornata di ieri, a prendersi la scena della MotoGP sono stati Jack Miller e Francesco Bagnaia, i due piloti della Ducati Pramac. Negli studi di Sky Sport, infatti, i due nuovi compagni hanno presentato la nuova livrea targata 2019, reduce da una tre giorni di test a Losail, in Qatar, alquanto soddisfacente. Il piemontese, classe ’97, ha concluso con un positivo 13° posto, nella classifica combinata, con un crono di 1:55.074. L’australiano, invece, sempre nella classifica combinata ha terminato con un 11° posto, registrando un crono di 1:54.851. Stando alle loro dichiarazioni, poi, entrambi hanno una prospettiva sul futuro, decisamente positiva.

Queste le parole dell’australiano, che per la stagione 2019, ha confermato il numero dell’anno scorso, il 43: «In questa stagione avrò a disposizione la versione ufficiale della Ducati Desmosedici GP, dovrò dimostrare di poter essere competitivo, sostenuto, a maggior ragione, da un team, con il quale abbiamo costruito uno splendido rapporto nella passata stagione. Ora serve compiere il salto di qualità a livello di risultati. In Malesia è andata piuttosto bene, in Qatar ancora meglio, con molti progressi. Anche se dall’esterno la moto non sembra molto diversa da quella dello scorso anno, dentro è migliorata: è davvero qualcosa di incredibile. Essere il pilota numero uno è bello, ma Bagnaia è un rookie forte, potrà vincere il premio di rookie dell’anno. Mi aspetto un Mondiale molto equilibrato».

Tanto entusiasmo e tanta ambizione per il debuttante Francesco Bagnaia: «Fin dal primo giorno il team si è dimostrato molto presente, molto attento e ambizioso, per questo sono entusiasta e soddisfatto della scelta fatta. Gradatamente il feeling con la moto è cresciuto e ora non vedo l’ora di scendere in pista in Qatar. I test sono andati ben oltre le mie aspettative: già a Sepang si erano viste cose positive, ma a Losail è migliorato tuttoMi sono trovato subito a mio agio con questa nuova Ducati Pramac. Devo ammettere che l’elettronica di queste moto non è semplice da gestire, ma nei test abbiamo visto che non siamo messi male».