MotoGP, Dovizioso: «Non c’è più motivo di concentrarsi sulla lotta al titolo»

dovizioso

Visto l’ampio divario in classifica con Marquez nella classifica generale, Andrea alza bandiera bianca ammettendo che il margine è troppo ampio per sperare

Non è stata una gran prima parte di stagione per Desmodovi. Dopo la clamorosa competitività riscontrata l’anno scorso, Andrea sembra aver perso brillantezza quest’anno. E anche serenità, visto che spesso è stato tendente all’errore, mentre il suo mantra lo scorso anno era proprio la costanza di rendimento. Anche il confronto con Jorge Lorenzo non lascia dubbi. Nel 2017, il forlivese dominava in ogni circostanza nei confronti del neo compagno di scuderia, mentre quest’anno il maiorchino è apparso più in palla del Dovi dopo alcune gare in naftalina. Questa lunga sosta estiva, servirà all’arciere della casa di Borgo Panigale per recuperare importanti energie fisiche e mentali, cercando di trovare la giusta tranquillità per concludere in bellezza un’annata in chiaroscuro. Doveva essere l’anno della conferma per il nativo di Forlì, invece è stato l’anno della delusione.

Ecco la dichiarazione ufficiale di Andrea Dovizioso: «Marc non ha sbagliato nella maggior parte delle gare di quest’annata e di conseguenza ha creato un bel gap. La differenza tra noi e Marc fortunatamente in velocità non è molto ampia e questo è un ottimo segnale, non sono preoccupato di questo dato. In realtà però nel campionato c’è un grande divario in graduatoria. Da Brno penso che possiamo essere piuttosto performanti, dobbiamo continuare a lavorare, migliorando, apportando qualche modifica. Siamo nel primo gruppo, ma se vogliamo davvero combattere per vincere le gare dobbiamo svilupparci. In questo momento non c’è motivo di concentrarsi sulla lotta per il titolo. Sono assolutamente più preoccupato per il divario che ho con Yamaha in questo momento piuttosto che quello che ho con Marc. Dobbiamo ancora limitare i danni in quei punti in cui non siamo abbastanza brillanti».