MotoGP, Ezpeleta: «Sono stufo delle domande sul ritiro di Valentino Rossi!»

valentino rossi

Carmelo Ezpeleta, il boss di Dorna, interviene sulle domande riguardanti il ritiro di Valentino Rossi

«È un insulto chiedergli quando lascerà, visto che si sta giocando il mondiale»: è quanto ha dichiarato il Ceo di Dorna, Carmelo Ezpeleta, parlando del possibile ritiro di Valentino Rossi. La domanda gira ormai da tempo con insistenza ma a quanto pare il futuro del pilota Yamaha è diventato un tabù per il numero uno della Dorna, che tempo fa aveva dichiarato: «Valentino Rossi verrà seguito fino a quando sarà competitivo e vincerà. Se vorrà una squadra la farà. Perché è ancora in gara? Perché gli piace e va bene. Vogliamo essere nella posizione in cui si sente più a suo agio. Compreso se vuole essere il presidente della FIM. Ho un accordo con Valentino che parla del suo ritiro ma non posso anticipare nulla». Ezpeleta aveva dunque già spiegato che se Rossi ne avesse l’intenzione, avrà carta bianca per portare un suo team in MotoGP.

A quanto pare il mondo della MotoGP si sta interrogando sempre di più su cosa ne sarà del dopo Rossi e una mole consistente di domande di questo tipo saranno state esposte ad Ezpeleta, che le ha declassate a poco rispettose nei suoi confronti, considerando la forma fisica e mentale di Valentino Rossi«Resto sempre perplesso quando mi fanno questa domanda, quando mi chiedono che cosa farà Rossi nella vita normale. È un pilota che si è giocato la vittoria in Francia fino all’ultima curva e poi ha trionfato ad Assen. Perché dobbiamo chiederci quando si ritirerà? Ancora non abbiamo parlato dell’ingresso di un suo team in MotoGP. Domandare a un pilota che si sta giocando il mondiale quando si ritirerà è quasi come insultarlo».