MotoGP, le reazioni dei piloti dopo l’annuncio di Jorge Lorenzo

Argomento principale della conferenza stampa del giovedì, il ritiro di Jorge Lorenzo: ecco le parole dei suoi colleghi

L’annuncio del ritiro di Jorge Lorenzo dalla MotoGP è stato, inevitabilmente, l’argomento del più dibattuto nel corso della classica conferenza stampa dei piloti, nel giovedì pre gara di Valencia. A prendere la parola per primo, esprimendo tutta la sua emozione per l’addio del compagno di scuderia, è stato il Campione del Mondo Marc Marquez: «Il suo ritiro è stato quasi come un fulmine a ciel sereno, non ce lo aspettavamo in Honda. A lui vanno i più grandi complimenti per la carriera da campione vero: Jorge ha sempre dimostrato di avere un carattere forte, dimostrandolo anche con questa decisione».

Commozione e rammarico per questa decisione anche da parte del vice Campione del Mondo, Andrea Dovizioso: «Lo sport purtroppo è così, a volte diventa complicato continuare e andare avanti. Credo che negli ultimi due anni sia stato anche molto sfortunato e, in questa scelta, abbiano pesato alcune rovinose cadute, ma il suo lavoro resta incredibile».  Dello stesso avviso anche il connazionale della Yamaha, Maverick Vinales: «Un grandissimo pilota, è sempre stato fortissimo in tutte le categorie, se ha ritenuto fosse il momento giusto non mi resta che fargli i complimenti e un grande e sincero in bocca al lupo per il futuro».

Non poteva mancare di dire la sua anche uno dei suoi più grandi avversari sportivi della sua carriera, Valentino Rossi: «Non posso che ritenerlo uno dei più grandi dell’era moderna, un campione vero: senza di lui perdiamo una parte importante del nostro sport. Mi ha sempre colpito tantissime volte per la velocità e la concentrazione. Si è sempre dimostrato fortissimo. Siamo stati compagni di squadra per anni, personalmente penso sia stato un grandissimo rivale per me. Insieme abbiamo corso una delle gare più belle della mia carriera». Infine il ricordo di Alex Rins: «Jorge è sempre stato il mio punto di riferimento, un idolo, dal talento smisurato» e Franco Morbidelli: «Una carriera strepitosa, risultati incredibili, raggiunti con uno stile di guida e fuori dal circuito tutto suo: un vero peccato che si fermi».