MotoGP, Zarco: «A Le Mans trasformerò la pressione in adrenalina»

Il francese vuole il gradino più alto del podio per la prima volta in MotoGP proprio nel Gran Premio di casa

Parecchi addetti al lavoro si sarebbero aspettati un Zarco già vincente a questo punto della stagione. Invece, il pilota transalpino sta vivendo una stagione senza particolari acuti. Tuttavia, Johann sta trovando una notevole costanza, come testimonia il fatto che non si sia mai ritirato fin ora, un trend completamente opposto rispetto a qualsiasi altro pilota di punta della classe regina. Proprio per questo, l’ex due volte campione della Moto2 si trova addirittura al secondo posto della classifica generale, dietro solo all’incontenibile Marc Marquez. Unico cruccio, quello di aver irruentemente causato la caduta Dani Pedrosa in Argentina, costringendo il povero pilota spagnolo a cestinare la gara ed a operarsi al polso. Tra l’altro, continua ad avere più feeling con il suo bolide rispetto ai centauri ufficiali della Yamaha, che non riescono trovare una quadra alle difficoltà continue che stanno riscontrando con la M1.

Ecco cosa ha dichiarato il motocilcista del Team Tech3 per quanto concerne le aspettative sulla prossima tappa: «Sono piuttosto contento di venire al mio Gran Premio di casa, essendo il secondo nel mondiale, ho ottenuto un fondamentale podio fortunoso a Jerez, ma questo mi ha dato una carica notevole ed grande entusiasmo per iniziare il GP di Francia. Spero che il tempo sia soleggiato senza variazioni o condizioni variabili, ma anche se avessimo un po’ di pioggia, avrei la certezza di conoscere al meglio la mia Yamaha e so che devo comunque stare calmo, lo scorso anno avevo percorso una delle migliori gare del 2017, dato che a Le Mans ho centrato il mio primo podio iridato in MotoGP. Mi piacerebbe lottare per il primo posto, quindi devo stare sereno senza pressioni, lavorare seriamente con la squadra e vedremo cosa capiterà. Penso che con tutti i nostri tifosi avremo una motivazione in più per far bene, anche se giocoforza ci sarà un po’ di pressione sulle mie spalle, ma cambierò questa pressione in adrenalina ancor più positiva, di conseguenza facciamo tutti gli scongiuri del caso e arriviamo a Le Mans a tutto gas».