MotoGP, Zarco punta a rimanere in top class: «Potrei fare il collaudatore»

Johann Zarco, separato in casa con KTM, è alla ricerca di una nuova scuderia in MotoGP: in alternativa, ci sarebbe l’ipotesi test rider

Dopo aver annunciato l’addio alla KTM, rinunciando a un anno di contratto, soltanto qualche settimana fa, Johann Zarco si mette ufficialmente sul mercato, alla ricerca di un offerta allettante. Finora il pilota francese non ha ricevuto proposte allettanti, al punto da mettere a rischio la stessa permanenza nella massima categoria, nonostante questa rimanga la sua scelta primaria. Negli ultimi giorni, però, si sarebbe fatta avanti anche una nuova possibilità per il suo futuro, quella di collaudatore, che gli permetterebbe così di rimanere in top class, sebbene non dalla porta principale.

L’ipotesi più accreditata, al momento, porta al ruolo di collaudatore per Yamaha, al fianco o come sostituto di Jonas Folger. Questa eventualità garantirebbe al pilota di rimanere nei radar della MotoGP, con l’obiettivo di rientrare, in maniera competitiva, dalla stagione successiva: «Credo che potrei offrire molto a una scuderia ufficiale: ma, soprattutto, diventare test rider non vuol dire avviarsi verso il ritiro. I collaudatori che ci sono adesso alla fine corrono tanto e spesso hanno delle wild card». E poi, ancora, sulla separazione dalla casa austriaca: «Ho rinunciato perché non mi sentivo a mio agio e volevo tornare più forte».