SBK, Lowes è il più veloce nei Test a Portimao

E’ Lowes il più veloce nei Test a Portimao del Mondiale Superbike

Appena giunti al termine i test ufficiali a Portimao del Mondiale Superbike vedono Alex Lowes come il più veloce tra i piloti che tra 15 giorni si sfideranno in gara proprio nel circuito Portoghese.

Il tempo di Lowes è stato di 1’41’’153 con una gomma morbida considerando , però, che i 14 avversari sono racchiusi tutti in un tempo di un secondo ed un decimo e lui non è mai sceso sotto l’1’42’’ anche con gomme da gara.

Quindi nulla è detto per quanto riguarderà il decimo round perché tutti i piloti si sono mostrati molto veloci e preparati, quelli della Yamaha più degli altri con una squadra che non ha commesso errori e ha lavorato benissimo, ma sicuramente ce ne saranno da vedere delle belle nel week end del 6-7-8 settembre 2019.

Alle spalle del pilota della Yamaha si è piazzato il quattro volte Campione del Mondo Rea che, dopo aver dichiarato la difficoltà nel riadattarsi alla sua moto dopo così tanti giorni di pausa estiva che l’hanno portato solo domenica pomeriggio a sentirsi a suo agio, con 100 giri di pista esatti e l’apparizione in circuito alla fine dei test e per soli due giri con una Kawasaki con grosse ali neri montate ai lati, ha lasciato tutti con un alone di mistero intorno a lui (sarà la Kawasaki anti-Ducati di cui si è parlato nei mesi scorsi?).

Nonostante la febbre e la mancata prova durante l’ultima sessione della domenica pomeriggio il pilota della Kawasaki del Team Puccetti Razgatlioglu con nuove carene in carbonio ha stabilito il terzo tempo e tra l’altro con gomme da gara. Questo dimostra quanto stia lavorando bene la Kawasaki e quanto sviluppo stia facendo. Questo renderà il round Portoghese ancora più interessante.

Van De Mark e Baz con Yamaha hanno ottenuto il quarto e il quinto tempo e questo a prova di quanto la Yamaha sarà potenzialmente molto forte nel circuito di Portimao.

Leon Haslam ha scelto di lavorare solo con gomme da gara ottenendo un sesto tempo e tutto di riguardo.

I risultati più preoccupanti arrivano dalla Ducati con Davies undicesimo ma a sua detta soddisfatto del lavoro dello staff tecnico, Rinaldi decimo e il Pilota di punta Alvaro Bautista solamente nono e a causa principalmente del forte dolore alla spalla che si trascina ormai da Laguna Seca e sembra non passare e averlo fatto mollare solo dopo 17 giri. Questo potrebbe compromettere non solo il Mondiale per il pilota spagnolo della Casa di Borgo Panigale ma anche il suo futuro in un momento di mercato piloti molto agitato e incerto. Infatti sono state confermate le voci che vorrebbero Redding al suo posto e Raxgatlioglu al posto di Lowes per il 2020.

Ma l’indiscrezione più forte è stata sul Team Honda che potrebbe schierare ben 4 moto: due gestite dal Team HRC con Bautista e Takahashi e le altre due dal Team attuale Moriwaki-Althea con Camier.

Non resta che attendere quindici giorni e vedere cosa succederà in Portogallo!