SBK, Rea conquista la 21° Superpole a Portimao e straccia il record di Laverty

World SBK

Jonathan Rea partirà davanti a tutti a caccia dell’ottavo trionfo di fila a Portimao (con un tempo record di 1’40″372). Delusione Bautista, soltanto sesto, mentre Melandri (ottavo) sarà il primo degli italiani

Dove non arriva la fantasia, arriva Jonathan Rea, al punto che è diventato anche difficile ormai sorprendersi. A Portimao, infatti, il nordirlandese, oltre ad aver conquistato la sua 21° Superpole in carriera (la quinta in questa stagione), ha letteralmente stracciato il record detenuto da Laverty con l’Aprilia dal 2018 (1’40″705), facendo registrare un crono di 1’40″372 che è diventata, così, la miglior prestazione di sempre della pista del sud del Portogallo. A rendere ancora più esaltante la prova stessa ha contribuito l’asfalto non eccezionale, peggiorato rispetto a qualche settimana fa.

Dalla stessa fila del Campione Mondiale Superbike nel 2015, 2016, 2017 e 2018 partiranno anche Tom Sykes e Sandro Cortese, rispettivamente secondo a 111 millesimi e terzo a solo tre decimi dal britannico. Una delle note più sorprendentemente negative è stata quella di Alvaro Bautista, soltanto sesto. Finito a quasi sette decimi dal rivale per la lotta al titolo, lo spagnolo della Ducati sarà costretto a partire dalla seconda fila, con più di un dubbio per la spalla ancora molto dolorante. Il primo degli italiani, invece, è Marco Melandri che partirà dalla terza fila (ottavo posto), insieme a Jordi Torres (settimo) e Markus Reiterberger (nono).