SBK, Stefan Bradl salterà Magny Cours: torna Jake Gagne sulla CBR

HONDA SBK JAKE GAGNE
@RED BULL

Stefan Bradl sarà costretto a saltare la tappa francese del mondiale SBK a causa di un infortunio al polso. Torna sulla CBR l’americano Jake Gagne assieme a Davide Giugliano

La Honda non riesce a trovare continuità e pace in SBK nel 2017. Se in MotoGP la Casa dell’ala dorata si è appena goduta la doppietta cristallina di Marquez e Pedrosa ad Aragon, in SBK la squadra Ten Kate continua a tribolare. Dopo aver ricevuto la moto per la stagione 2017 in netto ritardo per fare un corretto sviluppo in inverno e la tragedia di Nicky Hayden, arriva anche l’infortunio di Stefan Bradl, proprio nel momento in cui sembrava che le cose stessero iniziando a girare per il verso giusto tra il tedesco e la CBR SP2, dopo aver dato segni di ritrovata competitività a Portimao durante le libere e le qualifiche. Poi è arrivato l’highside di Gara1, che ha causato una microfrattura al polso destro del pilota. Bradl si sottoporrà ad un intervento chirurgico il 28 settembre, e solo dopo si conosceranno i tempi di recupero.

Dopo aver confermato che a Magny-Cours la seconda Honda SBK sarebbe stata affidata a Davide Giugliano, protagonista anche nei test dopo la tappa portoghese di Portimao, in Honda si è deciso di richiamare in sella Jake Gagne, che aveva assolutamente ben figurato nella sua wild card mondiale a Laguna Seca.

«E’ stata davvero una pessima notizia. Dopo la caduta di gara1 a Portimao, i raggi x non evidenziavano nessun segno di frattura, ma il dolore era troppo forte». Stefan Bradl parla così della notizia riguardo la frattura rimediata in Portogallo. «Quando sono tornato a casa ho voluto andare a fondo, ascoltando le opinioni di diversi medici, fino a trovare cosa ci fosse che non andava nel mio polso destro. Mi dovrò operare giovedì e questo significa che dovrò saltare Magny-Cours. Questo mi dispiace molto ma è necessario, perchè in questo momento non riesco ad usare bene il polso. Spero di farmi sentire presto con notizie positive».

Si aprono dunque le porte nuovamente per lo statunitense Jake Gagne, che a Laguna Seca aveva impressionato al suo primo contatto con la CBR in versione World SBK, abituato com’era alla versione per la SBK MotoAmerica che ha specifiche totalmente diverse rispetto alla moto messa in pista da Ten Kate: «Per prima cosa, auguro a Stefan un rientro veloce: ci sono passato prima di lui e so bene che non è bello stare lontano dalle gare per un infortunio. Ovviamente devo ringraziare la Honda e la squadra per questa opportunità di tornare e correre una seconda gara in World SBK. Correre a Laguna Seca è stato come un sogno che si avverava per me, e le conoscenze e l’esperienza fatte assieme al team quel week end sono state enormi. Sarà diverso arrivare alla FP1 ed avere qualche esperienza alle spalle su questa versione della Fireblade. MAgny COurs è una pista completamente nuova per me e non vedo l’ora di affrontare la sfida di una pista nuova e continuare ad impararare e crescere. Non sono mai neanche stato in Francia, per cui sarà una settimana particolarmente eccitante!»

Anche Marco Chini, manager di Honda Europe, ha commentato questo cambio di pilota in vista della tappa francese: «Siamo molto tristi che Stefan non sarà in grado di correre a Magny-Cours. Sentiamo di aver fatto dei concreti passi in avanti a Portimao, e le cose sembravano davvero andare nella giusta direzione. Sfortunatamente, l’incidente in Gara1 si è rivelato più grave di quello che sembrava in un primo momento, perciò adesso non possiamo che augurargli un recupero veloce per vederlo in sella prima possibile. E’ stato facile decidere chi mettere in sella a Magny-Cours: Jake ha fatto bene a Laguna Seca con noi, conosce il team e siamo felici di averlo di nuovo con noi».