Quando Valentino Rossi chiese la 8 ore di Suzuka

Rossi 8 ore di Suzuka

Tra i grandi campioni che hanno corso alla 8 ore di Suzuka, spicca il nome di Valentino Rossi. The Doctor ha partecipato a due edizioni di questa gara Endurance, vincendo l’edizione del 2001 in equipaggio con Colin Edwards

Che Valentino Rossi abbia un talento immenso è totalmente fuori discussione per tutti. Ma oltre a questa indubbia qualità, il pesarese ha sempre provato nei confronti delle moto un amore profondo, una passione genuina. Non ha mai interpretato la vita del pilota come un lavoro, bensì come una splendida passione da poter coltivare sempre e questo approccio gli consente di essere ancora competitivo dopo quasi venti stagioni di Motomondiale.

Nel 1999 Valentino Rossi sta affrontando la sua seconda stagione in 250, in sella all’Aprilia dominatrice in quegli anni nelle classi più piccole del Motomondiale. Nel frattempo in 500 ad inizio stagione Mick Doohan ha un brutto incidente a Jerez che mette la parola fine alla sua straordinaria carriera. La caduta dell’australiano mette nei guai la Honda, che può contare su Alex Criville per il presente ma deve costruire un futuro e puntare su un giovane per il dopo Doohan. E’ proprio il pesarese a finire nel mirino della HRC. E’ già in uno dei primi incontri tra il pilota ed i manager della Honda che Valentino pone una condizione totalmente inattesa ai giapponesi. Per correre in 500 con loro, chiede due cose: Jeremy Burgess nel box e poter partecipare alla 8 ore di Suzuka. Quando Valentino avanza le sue richieste, gli interlocutori non credono alle proprie orecchie. Per loro, convincere un Top Rider del mondiale a partecipare alla 8 ore era una questione molto complicata.

La Gara giapponese si svolge nell’unico periodo di pausa del Mondiale GP, in pieno luglio. In Giappone in quel periodo le condizioni meteo sono difficili, con un caldo umido che distrugge il corpo. La gara poi si corre con le moto Endurance, cugine della SBK mondiale ma nemmeno lontanamente imparentate con le 500 da GP del Mondiale. Un campione del Motomondiale che può dettare le proprie condizioni durante la stesura di un contratto, di solito non chiede di poter partecipare a questo autentico massacro della durata di 8 ore, che prevede anche dei lunghi test pre-gara e una preparazione atletica dedicata. Rossi è il primo a chiedere espressamente di partecipare alla 8 ore di Suzuka, facendo commuovere i giapponesi increduli.

Il nome di battaglia di Valentino Rossi in quel periodo è Rossifumi, perchè Valentino ama profondamente i piloti giapponesi. Il suo idolo è Norifumi Abe, che partecipando da wild card al GP 500 di Suzuka del 1994 fa impazzire Doohan, Schwantz e gli altri piloti del Mondiale. Casco coloratissimo, capelli lunghi che spuntano dalla bandana attorno al collo ed indole chiaramente Kamikaze. Un mix che affascina il pesarese e lo fa appassionare al mondo Jap nel racing. Il simbolo delle corse in Giappone è la 8 ore di Suzuka e Valentino Rossi ci mette poco a scoprire quanti campioni del Mondiale ci abbiano già corso e vinto. Decide quindi che nella propria carriera di pilota, parteciperà e vincerà almeno una 8 ore.

Ci prova già in Aprilia, quando a Noale presentano la propria SBK, la RSV Mille. Leggendaria la risposta del tecnico Jan Witteven alle richieste di Valentino, che vuole convincere la Casa veneta a partecipare con un proprio Team interno alla Gara: “La nostra moto alla 8 ore non fa neanche 8 minuti” . Pragmaticità olandese. Così Rossifumi deve aspettare un gruppo di Manager di Tokyo per ricevere un si e coronare il proprio sogno nipponico. Arriva l’estate del 2000 e Valentino parte alla volta del Giappone per i primi test in sella alla moto designata, la nuovissima VTR SP-W. La Honda ha costruito un missile bicilindrico bellissimo, nel tentativo di battere la Ducati nel Mondiale SBK ad armi pari. Il ruolino di marcia della moto conta tre partecipazioni al Mondiale tra l 2000 ed il 2002 e due titoli iridati, entrambi con Colin Edwards. A Tokyo dimostrano che sanno fare moto da corsa anche utilizzando due cilindri e basta.

Proprio il Texas Tornado è il compagno di avventura di Valentino Rossi. Numero di gara 11, che sta per n°1 nel Mondiale GP + n°1 nel Mondiale SBK. La Honda schiera un Top Team, su una signora moto nella corsa più importante dell’anno per lei. La vittoria sembra garantita.

La moto in configurazione Endurance piace tantissimo a Valentino Rossi, che durante i test fa un tempo velocissimo ferendo nell’orgoglio il pilota texano, che dovrebbe conoscere meglio la VTR. Le premesse sono quindi ottime e la coppia di Campioni sembra destinata ad una vittoria sicura. Ma la Honda va sempre sul sicuro e schiera altri due equipaggi da urlo sulla VTR. Le altre moto HRC partecipano con Ukawa e Kato in un Team e Okada ed Itoh nell’altro. All’epoca i piloti giapponesi erano spesso al top e questi quattro piloti costituivano degli avversari di tutto rispetto per i più blasonati Colin e Valentino. Solo un destino crudele ha impedito a Daijiro Kato di competere per il titolo MotoGP, perché quanto a talento e sensibilità il giapponese non ha nulla da invidiare agli altri due riders.

Al semaforo verde, tocca ad Edwards la corsa da una parte all’altra della carreggiata sul rettilineo di partenza. Al momento del cambio pilota, Valentino viene messo in guardia. La maggior parte delle cadute succedono durante il primo turno del secondo pilota. Rossi annuisce e parte alla carica come non ci fosse un domani, mostrando una incompleta comprensione della definizione “Gara di durata”. Al rientro in pista è terzo ma giro dopo giro recupera un secondo dopo l’altro sui battistrada e passa al comando. Valentino Rossi va fortissimo, anche troppo. Infatti al quinto giro del suo turno scivola nel tornantino a sinistra e spezza il semimanubrio. Sono momenti concitati ma Rossi mantiene la calma e riesce a riportare la moto ai box. Visto che lui ha fatto il danno, gli tocca anche recuperare. Dopo cinque ore di Gara, il Team dei campioni è ottavo a cinque giri dai leader e ci pensa Colin Edwards a mettere fine a quest’esperienza, stendendosi in una curva veloce e rendendo impossibile la ripartenza. La gara la vincono Kato e Ukawa, quindi l’onore (Meiyo) Honda è salvo.

Il ricordo migliore di Valentino di quest’avventura in terra nipponica nel 2000 è la festa post gara. Un’ubriacata di dimensioni bibliche, in cui scopre come i piloti giapponesi siano realmente dei folli come aveva sempre immaginato. Gli stessi che durante la preparazione alla gara si alzavano alle 5 del mattino per andare a correre, la sera dopo la gara si esibiscono in una epica gara di cicchetti che dissemina giapponesi ubriachi nei dintorni del ristorante.

Se è vero che all’inizio l’entusiasmo di Valentino per questa esperienza è fortissimo, questa edizione della 8 ore l’ha segnato e l’anno successivo partecipa alla gara solo per onore di firma. Inizialmente non vuole sentirne di rivivere un vero inferno in piena estate. Ma l’edizione 2001 è diversa, probabilmente Valentino Rossi è maturato ed è piena lotta per la conquista del primo mondiale 500. E’ l’ultima stagione delle 500, destinate a fine anno a farsi sostituire dalle neonate MotoGP e per Rossi è imperativo scrivere il proprio nome nell’Albo d’Oro del Mondiale come ultimo campione del Mondo della categoria prototipi 500 cc due tempi.

Valentino Rossi però onora il contratto e vola in Giappone per la seconda esperienza alla 8 ore si Suzuka. Il livello dell’edizione 2001 è molto alto e la Honda porta Barros in coppia con Taddy Okada. C’è ancora la coppia vincente dell’edizione precedente con Kato ed Ukawa e la Yamaha schiera una R7 per Haga e Gobert. Anche la Kawasaki fa la voce grossa con Yanagawa e Isutzu.

Ma Valentino e Colin sono determinatissimi e questa volta sono impeccabili. Rossi fa il primo turno e la partenza ed ogni volta che restituisce la moto ad Edwards la coppia sta conducendo la gara. Però quello che recupera Valentino, Colin lo perde in pista. Ma Rossi vuole assolutamente vincere e chiudere con la propria esperienza giapponese. Così all’ultimo cambio moto, afferra il casco di Colin e gli urla: “Guarda che se non vinciamo ci tocca tornare l’anno prossimo”. Scosso da questa nefasta eventualità, Colin si ricorda di essere il Texas Tornado e la coppia si aggiudica l’edizione 2001 della 8 ore di Suzuka.

valentino rossi 8 ore suzuka 2001

Rossi completa il proprio sogno di ragazzino e aggiunge un’altra perla alla propria carriera. Valentino ha viaggiato in lungo e largo per il mondo, correndo in ogni angolo del globo. Ma se oggi gli chiedete quale sia il posto più lontano da casa la risposta è sempre la stessa. Valentino Rossi vi dirà che il Giappone è l’unico posto al mondo dove si sente veramente lontano da casa e in un Paese unico.

Qui onore e tradizione si mischiano costantemente a tecnologia e innovazione e questo è il racconto di come Valentino abbia conosciuto fino in fondo l’animo guerriero di quegli spericolati giapponesi che partecipavano come wild card al mondiale. Oggi nel Mondiale si sente la mancanza dei giapponesi velocissimi ed un pò folli dei primi anni 90. La 8 ore di Suzuka sarà sempre terreno di caccia per questi valorosi samurai.

Valentino Rossi alla 8 ore di Suzuka [VIDEO]