MotoGP, Dovizioso: «La Yamaha ha fatto progressi costanti. Marquez difficile da analizzare»

Andrea Dovizioso riconosce i continui progressi dei piloti Yamaha, non mancando di rimarcare, però, l’unica certezza rappresentata da Marc Marquez

Nella sosta tra il Gran Premio di Aragon e quello della Thailandia, i piloti della MotoGP hanno cercato di occupare il loro tempo libero, svagando la mente con altri tipi di attività. Tra questi, senza dubbio, Andrea Dovizioso è stato colui che ne ha approfittato per dedicarsi a una delle sue passioni preferite, il Motocross, sullo sterrato di Dorno in provincia di Pavia. Prima della partenza per l’Oriente, il pilota della Ducati ha fatto una sosta al Buddh International Circuit, in India, in occasione della giornata inaugurale dell’India Ducati Riders Day, per poi partire alla volta della Thailandia.

Giunto nel paese che ospiterà il prossimo GP, Dovizioso si è soffermato sui progressi dei suoi avversari, in particolare i piloti Yamaha: «I nostri avversari hanno lavorato molto duramente. I piloti Yamaha sono stati veloci ad Aragon nelle sessioni di prove libere, salvo avere poi un po’ più di problemi in gara. Penso che sia perché il grip in gara: sono  migliorati in alcune aree e non in altre». Per poi ribadire le capacità straordinarie del Campione del Mondo in carica, Marc Marquez: «L’unica cosa strana è Marc, è difficile da analizzare, perché è sempre avanti. In ogni gara è sempre lì a lottare per la vittoria, è molto, molto difficile».